#SUPERLEGA: IL BIG MATCH E’ FIRMATO LUBE. PERUGIA A SIENA RITROVA LA VETTA, MENTRE VERONA PASSA A SORA E SIGILLA LA 6ª PIAZZA. SI ARRENDE LATINA A MODENA, VIBO VINCE IN RIMONTA SU RAVENNA

  • di Ilaria Brignoli e Roberta Velocci

Superlega, 5ª giornata di ritorno. Trento perde la vetta nello scontro con la Lube, sorpassato da Perugia che, in soli 3 set, annienta Siena. PalaPanini ancora inviolato, con Latina che torna a casa a mani vuote. Vittoria per 3-1 per Verona e Vibo, ai danni di Sora e Ravenna.

ITAS TRENTINO – CUCINE LUBE CIVITANOVA 1-3 (20-25, 25-23, 22-25, 20-25)

Battuta d’arresto per l’Itas Trentino: arriva la prima sconfitta dopo ventuno successi consecutivi e scivola al secondo posto della classifica. La Lube si impone per 3-1 al PalaTrento e conferma il 3º posto, con 41 punti. Civitanova subito avanti (5-8) nel primo set. Trento si riavvicina 7-8, ma non ferma la corsa dei marchigiani, che prendono il largo. I gialloblù commettono qualche imprecisione di troppo e gli ospiti si aggiudicano il parziale per 20-25. Partenza migliore nel secondo set per i trentini. Break di vantaggio (8-7), poi Russell e Vettori trascinano a +3 (17-14). Civitanova accorcia sul finale, ma i ragazzi di Lorenzetti riescono a chiudere 23-25. Nel terzo set la Lube parte in quarta e allunga 3-8. Bene Sokolov (88% attacco), i biancorossi guidano 16-20. Juantorena firma il 22-25. Quarto parziale decisivo. I cucinieri, determinati a chiudere, si mantengono in vantaggio per tutto il set. 1-5, poi 10-15. Trento non riesce a ricucire lo strappo e gli ospiti vincono 20-25. MVP: Tsvetan Sokolov, 22 punti.

Ph: Chiara Riolfo
AZIMUT LEO SHOES MODENA – TOP VOLLEY LATINA 3-0 (25-19, 25-21, 25-18)

Vittoria casalinga per la formazione di Velasco, che chiude in tre set netti il match contro Latina. Modena sempre avanti nel primo set, massimo vantaggio a quota 20-12. La Top Volley prova ad avvicinarsi, ma i padroni di casa gestiscono bene il vantaggio e finisce 25-19. Secondo parziale più combattuto. Ospiti sotto solo di un break per 7-8, poi ci pensa Urnaut a trascinare avanti i gialloblù per 13-8. Rimonta dei pontini con Rossi e Ngapeth che, nel finale di set, si portano a -2 dai padroni di casa: è 23-21. Ha la meglio l’Azimut, che non lascia spazio per ulteriori recuperi (25-21) e mette la firma sul 2-0 in partita. 7-2, ancora ottima partenza degli emiliani. 14-5, poi allungano a 21-14.  I gialloblù guidano il parziale indisturbati e chiudono 25-18. MVP: Salvatore Rossini.

Ph: Monica Mammi
EMMA VILLAS SIENA – SIR SAFETY CONAD PERUGIA 0-3 (20-25, 20-25, 18-25)

Perugia, al Palaestra, ritrova la vetta della SuperLega . In poco più di un’ora di gioco, De Cecco e compagni portano a casa il 3-0 che, sommato alla sconfitta trentina, vale la vetta. Il match si apre con un punto per parte, almeno fino al 5-5. Atanasijevic, poi, sale in cattedra, ed è 9-12. Ci prova Siena, guidata da Savani, a restare aggrappata al set, ma nulla da fare. De Cecco mura, il servizio di Ricci crea confusione ed è 20-25. Ancora partenza sprint per i Block  Devils ed è subito 5-8. Ishikawa e Maruotti prendono per mano i toscani e tentano di ricucire le distanze, ma Podrascanin alza la voce da posto 3 ed è di nuovo 20-25. Rispondono d’orgoglio gli uomini dell’Emma Villas nel terzo tempo, portandosi avanti fino al 10-8 firmato Van De Voorde. E’ ancora Atanasijevic, instancabile, a firmare il sorpasso e portare i suoi verso il 18-25 che vale lo 0-3  MVP: Aleksandar Atanasijevic.

Ph: Benedetta Tosti
GLOBO BANCA POPOLARE DEL FRUSINATE SORA – CALZEDONIA VERONA 1-3 (17-25; 25-18; 23-25; 22-25)

Verona passa al PalaCoccia e consolida la sesta piazza in SuperLega contro una Sora mai doma, che però non riesce a strappare più di 1 set. E’ subito botta-risposta tra le due formazioni, 9-9. Kaziyski , poi, guida i suoi verso l’allungo ed è 9-13. Barbiero mischia le carte in tavola, ma nulla da fare. Verona si dimostra più forte ed è 17-25. Stessa storia nel secondo tempo, con le due squadre che lottano alla pari fino all’11-11. Questa volta, però, è Sora ad avere la meglio segnando il +4 del 20-16. Gli uomini di Grbic non possono nulla, ed è 25-18. Il terzo tempo si gioca un punto per parte addirittura fino al 20-19, quando un break di 3 punti per gli ospiti li spinge verso il set ball. E’ di nuovo Kaziyski  a mettere palla a terra per il 23-25. Nel quarto set è la formazione ospite a partire subito bene, addirittura fino al 6-12. I locali, però, con Petkovic, azzerano le distanze ed è 28-19. Guadagnano, poi, ben 4 set ball gli ospiti. Il serbo di Sora ne annulla due, ma al terzo è 1-3. MVP: Matey Kaziyski.

Ph: LegaVolley
TONNO CALLIPO CALABRIA VIBO VALENTIA – CONSAR RAVENNA 3-1 (23-25; 25-16; 28-16; 25-22)

Vittoria in rimonta per gli uomini di Vibo Valentia. Il primo tempo si gioca punto a punto, con i due sestetti che, agguerriti, non vogliono saperne sulla, almeno fino alla fase finale, quando il gioco diventa caldo e Vibo concede lo 0-1 a Ravenna. Non solca poi le ali dell’entusiasmo Ravenna, che, nel secondo parziale, subisce una netta battuta di arresto che vale il 25-16 e la patta per i locali. Tutto da rifare, quindi, nel terzo tempo. Al cambio campo le due formazioni lottano pallone dopo pallone, non riuscendo a conquistare break decisivi.Sul 26-26, però, gli ospiti diventano fallosi, regalando il break che vale il 2-1. Partono ancora bene i due sestetti nel secondo parziale, ma i giallorossi di casa solcano il vantaggio e mettono una bella ipoteca sul match. Ci prova Ravenna a rifarsi sotto, ma è 25-22 e 3-1. MVP: Carlos Eduardo Barreto Silva

Ph: LegaVolley

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto