#SERIEA2M GIRONE BLU: INIZIA IL GIRONE DI RITORNO. TORNANO A VINCERE L’OLIMPIA E LA VIDEX, DERBY PUGLIESE ALLA MATER

Olimpia BergamoSieco Service Ortona 3-0 (25-21, 25-19, 25-22)

Vittoria per Olimpia Bergamo che chiude in bellezza questo 2018. Bergamo ha sicuramente avuto una percentuale migliore in attacco rispetto ad Ortona (58% contro 48%).

Ph. LegaVolley

Anche nel fondamentale di muro l’Olimpia è stata nettamente superiore: 13 muri punto contro i 4 della Sieco Service Ortona. Ottime le prestazioni del libero Innocenti e di Tiozzo top scorer della serata con 13 punti.

BAM Acqua S.Bernardo Cuneo – Gioiella Gioia del Colle 0-3 (12-25, 21-25, 21-25)

Una partita a senso unico quella andata in scena a Cuneo, con una Gioiella che vuole dimostrare quanto davvero vale: 13 muri, 6 ace e 43% in attacco.

Ph. LegaVolley

Cuneo prova a contrastarla con 3 muri e 5 ace, e un 34% in attacco ma sono molti, troppi gli errori: 14 in attacco e 9 in battuta. Solo Caio in doppia cifra per i locali (13 punti), per gli ospiti il migliore nonchè top scorer del match è il solito Prolingheuer con 21.

Videx Grottazzolina – Tipiesse Cisano Bergamasco 3-1 (25-17, 25-17, 24-26, 25-14)

Torna a far bene Grottazzolina, e lo fa davanti ai propri tifosi in una partita non già scritta in partenza, come dimostra il set perso ai vantaggi. Sono troppi i 13 muri e i 3 ace rispetto ai 7 muri e ai 2 ace degli ospiti.

Ph. LegaVolley

Anche qui sono gli errori a decdere il match 16 in attacco e  in battuta per Cisano, 10 in attacco e 10 in battuta per Grottazzolina. Top scorer Calarco con 25 punti, il migliore degli ospiti è Baldazzi con 17.

Materdominivolley.it Castellana Grotte – Pag Taviano 3-0 (25-15, 25-21, 25-22)

Riprende a vincere anche la Mater e lo fa portando a casa il derby pugliese confermando il risultato dell’andata (vinto 3-2 in trasferta). L’arma in più dei locali è l’attacco al 53%, che insieme ai 10 muri e ai 7 ace domina il match.

Ph. LegaVolley

Gli ospiti rispondono con 6 muri, 3 ace e il 45% in attacco. Un fatto curioso è che sia gli ospiti che i locali a fine partita hanno solo 1 giocatore a testa in doppia cifra: per Taviano è Bencz con 15 punti, per la Mater è Cazzaniga con 23 (top scorer).

Gas Sales Piacenza – Pool Libertas Cantù 3-1 (23-25, 31-29, 25-22, 25-12)

Dopo la bella vittoria contro la capolista Bergamo, Piacenza continua a vincere e lo fa in un match complicato da cui ricava comunque tre punti.  A Cantù non bastano i 20 punti di Santangelo (top scorer) e i 19 di Preti per contrastare i locali che chiudono con Yudin che mette a segno 19 punti, e con Fei e Mercorio 17.

Ph. LegaVolley

Degno di nota il 51% in attacco dei locali, in confronto al 40% degli ospiti. I muri sono 11 per Piacenza e 8 per Cantù, gli ace 6 per entrambe le squadre.

Club Italia Crai Roma – Maury’s Italiana Assicurazioni Tuscania 3-1 (29-27, 25-21, 26-28, 26-24)

Primo anticipo del girone di ritorno della Serie A2, sono scesi in campo Club Italia Crai Roma e Maury’s Italiana Assicurazioni Tuscania. Ad avere la meglio sono stati i ragazzi di coach Cresta.

Ph. Luca Laici, Daily Volley

Buono il gioco di entrambe le squadre che si sono date battaglia punto a punto. Buona la prestazione in ricezione degli azzurrini. Con questa vittoria i ragazzi del club Italia hanno raggiunto quota 23 punti. Top scorer della giornata Stefani che chiude il match con 23 punti.

Tinet Gori Wines Prata di Pordenone – Elios Messaggerie Catania 2-3 (25-27, 22-25, 25-18, 25-20, 10-15)

Il secondo anticipo di Serie A2 vede la vittoria in trasferta della Elios Messaggerie Catania contro la Tinet Gori Wines Prata di Pordenone. Il primo e il secondo set vengono conquistati da Catania, fondamentale la grinta dei giocatori di Catania dai nove metri.

Ph. LegaVolley

Sul finale del secondo set Finoli, il capitano della Elios, si infortuna lievemente nel recupero di una palla. Cambio di rotta nel terzo e quarto set che vengono conquistati dai padroni di casa. Finale emozionante nell’ultimo parziale, ottimo il contributo di Bonacic, top scorer del match.

 

Di Erika Introini e Alice Biondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto