#SuperLega: Superba Perugia. Battuta in soli 3 set la Calzedonia Verona dell’ex Grbic.

Verona inaugura la sua stagione all’AGSM Forum con una sconfitta. Esultano i campioni d’Italia della Sir Safety Conad Perugia che portano a casa un possente 3-0 (25-12; 25-17; 25-18).

Al fischio d’inizio della terna arbitrale, Grbic schiera in campo Spirito opposto a Boyer, Manavinezhad e Shariffi di banda, Ailletti e Solè in posto 3, e Giuliani libero. Bernardi risponde con De Cecco in cabina di regia ed Atanasievic in diagonale, Lanza e Leon in posto 4, Podrascanin e Rossi dal centro, Colaci libero.

 

PRIMO SET

Parte subito forte Perugia nel primo game, con Atanasijevic che spacca il set dai 9 metri ed è 1-6. La regia umbra si affida al braccio caldo di Leon che, palla dopo palla, segna sul tabellone il 6-13. Verona ci prova a rifarsi sotto, ma nulla può contro una Sir combattiva e deterinata che, in poco più di 20 minuti, si porta sul 12-25 che vale lo 0-1.

SECONDO SET

E’ ancora la battuta il punto chiave dell’avvio della frazione. Leon porta subito i suoi compagni avanti, ma Verona accorcia le distanze ed è 4-6. Punto a punto, poi, tra le due compagini, con i padroni di casa che, a poco a poco, pareggiano i conti, fino all’11-11. E’ il muro, questa volta, a fare la differenza. Atanasijevic e compagni serrano ogni strada ai veneti ed è 14-21. E’ Perugia a chiudere il set sul 17-25.

 

TERZO SET

Il terzo tempo vede gli uomini di Grbic partire subito col piede giusto. Spirito smista bene ed è 3-1. La battuta di Leon, però, colpisce Boyer alle gambe e segna il 5-5. Guadagna punti Perugia, fino al 6-11 che costringe la guida tecnica locale a mischiare le carte in tavola ed inserire Savani. Bene la seconda linea da una parte e dall’altra, ma il muro dell’opposto serbo sembra non lasciar scampo. 10-15, allora, mentre suona la sirena per la panchina veronese. Ancora tutti facile, per Perugia, al ritorno in campo. 18-25 e tutti negli spogliatoi.

 

Roberta Velocci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto