#MONDIALEFEMMINILE: ITALIA, ARGENTO VIVO. SERBIA CAMPIONE DEL MONDO.

di Giorgio Cipolletta, ItaliaF.

Da Yokohama, terra nipponica, va in scena l’ultimo atto del Mondiale femminile. Alzate il tricolore, in campo c’è un Italia pronta a bissare il successo del 2002. Avversaria la grande Serbia, pronta a salire per la prima volta sul tetto del mondo.

Quì casa Italia

Le ragazze di Mazzanti arrivano in Finale con 11 vittorie e 1 sconfitta. Unico passo a vuoto proprio contro la Serbia, a bloccare un grande percorso mondiale.

Alice Ondei

Quì casa Serbia 

Balcaniche per la prima storica finale, 10 vittorie e 2 sconfitte per una generazione d’oro che proverà a portarsi a casa il titolo.

OA SPORT

Testa a testa: Nel 2018: Nel mondiale (vittoria serba 3-1), in Nations league (2-3 per le azzurre)

ITALIA-SERBIA 2-3 (25-21, 14-25, 25-23, 19-25, 12-15)

Il ct Mazzanti schiera Malinov in palleggio, Egonu opposta. Sylla-Bosetti schiacciatrici, Chirichella-Danesi centrali, De Gennaro libero.

Le balcaniche con Ognjenovic palleggiatrice, Boskovic opposta, Mihajlovic-Busa schiacciatrici, Veljkovic-Rasic centrali. Popovic libero.

Partono benissimo le azzurre con Sylla, con un suo ace c’è il primo allungo (11-8). Boskovic e Rasic provano a far tornare in campo la Serbia (13-11). Entra nel match anche Paola argini che allunga per le azzurre (21-16). Ci riprovano le campionesse d’Europa con Boskovic ma Egonu-Sylla chiudono il primo parziale.

Mai gioca punto a punto ma le serbe scappano con Veljkovic (6-8). Mihajlovic e Boskovic martellano e si allontanano (9-13). Egonu e le azzurre sono fallose, in ricezione regna la confusione. Per le serbe è facile chiudere il secondo set.

Terzo set con il marchio italiano e ace di Malinov (3-1), poi il black out e rimonta serba. È un set che si gioca sul filo del rasoio, ma l’ace di Bosetti è il muro di Egonu su Boskovic piazzano l’allungo (15-12). L’ItaliaF inizia a sbagliare al servizio e arriva il muro di Ognjenovic (18-18). Rimonta delle balcaniche, sembra la fine ma il pareggio arriva con un muro di Egonu (21-21). Egonu alza il muro e piazza l’allungo azzurro (24-22). Tentativo di Mihajlovic ma Egonu porta avanti l’Italia.

Alice Ondei

La riscossa serba non tarda ad arrivare, Boskovic martella e Malinov va in confusione (2-8). Chirichella si carica le azzurre sulle spalle e cerca la rimonta (11-13). Veljkovic e Boskovic salgono in cattedra e lasciano poche chance alle azzurre che cadono. L’ultimo errore arriva da Egonu che da la parità nel match.

Parte il tie-break con l’errore di Rasic, poi si gioca punto a punto, rimonta su rimonta. Primo allungo italiano con Sylla (6-4). Cambio campo con Egonu vincente (8-7). Muro di Boskovic su Egonu e terribile allungo avversario (8-10). Inarrestabile Boskovic che spinge (11-13). Ognjenovic si prende due match ball. Errore di Sylla, la Serbia è campione del mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto