#FINAL SIX MONDIALE FEMMINILE: CINA E SERBIA UN PASSO IN SEMIFINALE

di Dragani Almerindo

Siamo a Nagoya sull’isola di Honshu, si tirano le somme.

Nei prossimi tre giorni vedremo le sei squadre migliori al mondo. Tutti vogliono la coppa e ciò a cui abbiamo assistito fino a tre giorni fa è il passato.

Due pool da tre squadre.

Pool H con Olanda, Cina e Usa, pool G con Serbia Giappone e la nostra Italia.

La prima partita di oggi ha visto di fronte Cina, campionesse olimpiche in carica, e Stati Uniti, campioni del mondo in carica.

Mentre il secondo match ha visto Serbia e Giappone, strepitoso padrone di casa.

Vediamo come sono andate

CINA – USA 3-2 (25-22 19-25 20-25 25-23 15-9)

Primo set tiratissimo, Usa avanti, ma le cinesi non mollano, prendono il ritmo gara e sbagliando sempre meno.

Sul 20 pari, una Cina, precisa al servizio e cinica in attacco,chiude il set 25-22.

Nel secondo parziale le americane entrano subito con determinazione nel set e vanno avanti +4.

Le cinesi tentano di diminuire il gap, ma commettono troppi errori, gli Stati Uniti chiudono 19-25.

Il terzo set giocato punto a punto, fino al 12-12, dopo di che, solo Stati Uniti, con Hill ed Akinradewo su un altro livello, fino alla fine del set 20-25.

Il quarto set vede una Cina concreta, soprattutto Zhu e Li, gli Usa si tengono a galla con Hill fino al 23-23, ma con un attacco della Li ed uno della Zhu, portano al tie break il match. 25-23.

Tie break che si apre con un ace sulla Larson ed un errore in attacco della Zhu.

Merito alla Li, diciotto anni, mancina e tanta voglia di spaccare il mondo, in prima linea monopolizza la rete, cambio campo 8-5 Cina.

Cina più sicura e lucida, USA con problemi in ricezione e regia, 15-9 Cina.

Giappone – Serbia 0-3 ( 19-25 18-25 23-25)

Pronti partenza via, Serbia avanti tutto il set senza problemi fino al 23-14, poi un blackout e il Giappone con coraggio si riesce ad arrivare 19-23, ma Mihajlovic e Boskovic chiudono, a fatica, 19-25.

Secondo set fotocopia del primo, Mihajlovic inarrestabile martello pneumatico porta avanti la Serbia di 8 palle break, fase di stanca del set e giapponesi che tentano una rimonta, ma i punti da recuperare sono troppi per questa Serbia che chiude 18-25.

Terzo set con le giapponesi più precise nella relazione muro difesa, con Koga in grande forma in attacco e vanno avanti di un break 8-6, con un pubblico in visibilio, per quanto un giapponese possa scomporsi.

Giappone avanti praticamente tutto il set fino al 23 pari, poi le serbe decidono di sorpassare e chiudere, 23-25.

Domani le azzurre inizieranno un cammino nuovo, diretta Rai ore 12:20, contro un Giappone che non abbassa mai la guardia e che è sempre pronto ad approfittare di ogni minimo regalo avversario.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto