#VolleyMondiali: L’Italia combatte ma non le riesce il colpaccio contro la corazzata russa. Nonostante la sconfitta, SI VOLA A TORINO!

Al Mediolanum forum di Assago, arriva la prima sconfitta azzurra contro gli attuali campioni d’Europa, la formazione russa che riesce ad averla vinta solo al tie break (25-19; 18-25; 21-25; 25-19; 11-15), assicura la prima posizione nel girone all’Italia, che, con 19 punti, è ufficialmente a Torino.

Blengini schiera il solito sestetto formato dalla diagonale Giannelli-Zaytsev, Juantorena e Lanza (tornato dopo un breve stop nella scorsa partita) schiacciatori, i due centrali Anzani e Mazzone e Colaci libero. Shlyapnikov opta per Grankin in regia opposto al solito Mikhaylov, gli schiacciatori Volkov e Kliuka, al centro Muserskiy e Kurkaev e libero l’esperto Verbov.

PRIMO SET.

Ottimo inizio per gli azzurri (6-1), un buon turno al servizio di Giannelli e un ace di Juantorena costringono Shlyapnikov subito al time out. L’Italia si porta al primo time out tecnico sull’8-3. Il gioco funziona perfettamente, Colaci e compagni recuperano l’impensabile e sul 15-9, il coach russo cambia la cabina di regia con l’ingresso di Butko. Anche il secondo time out tecnico a favore dell’Italia (16-11). La Russia sembra riprendersi, ace di Muserskiy e Blengini chiama time out (17-15). Continua la striscia positiva dell’Italia (23-18), entra Poletaev al servizio che però sbaglia e ci regala il primo set point. Chiude il set Mazzone, con un sontuoso primo tempo sul 25-19.

SECONDO SET.

I russi non ci stanno, si portano subito sul 5-8 e arrivano al primo time out tecnico. La Russia continua a mantenere il vantaggio, sontuosa a muro, si porta sull’8-12 e Blengini chiama time out che però serve a poco e si arriva al secondo time out tecnico (13-16). Ancora due punti subiti, altro time-out azzurro. L’Italia subisce altri due punti, arrivando sul 13-20 per gli avversari. Blengini prova Maruotti per Juantorena, che però subisce immediatamente un ace. Sul 15-22 Blengini gioca la carta Nelli al servizio che però sbaglia (15-23). Qualche buona giocata e un ace di Giannelli accorciano un po’ le distanze (18-23), il coach russo chiama time out. Punto di Mikhaylov per il 18-25.

TERZO SET.

Riparte bene la Russia che, con un ace e un muro si porta avanti sul 5-8 al primo time out tecnico. Segue un altro ace e sul 5-10 entra Maruotti su Lanza. +5 Russia (8-13) e arriva il primo time out azzurro. Russia continua a macinare punti e sul secondo time out tecnico sono sul +6 (10-16). L’Italia sembra riprendersi e riesce ad arrivare sul 20-22, grazie ad un buon turno al servizio di Maruotti, che regala anche un ace. Proprio un errore di Maruotti al servizio riporta la Russia a +3 e Mikhaylov chiude il set con un ace sul 21-25.

QUARTO SET.

Il quarto parziale sembra inizialmente di dominio russo (1-5), ma grazie a una serie di ottime giocate e anche di un ace da parte di Juantorena, ci riportiamo in parità sul 5-5. Gli errori russi e un altro ace di Maruotti ci portano a +4 (12-8). Continua a sbagliare la Russia, mentre l’Italia sembra riuscire a mettere giù di tutto, soprattutto con Zaytsev e i centrali, e con un terzo ace di Maruotti, ci portiamo a +5 (20-15) e Shlyapnikov chiama time out. Una diagonale stretta mozzafiato messa a terra da Juantorena per il 23-17. Due errori della Russia ci portano sul 2-2.

QUINTO SET.

Il tie break comincia con un ace di Mazzone e prosegue punto a punto fino al 6-6 con una serie di ottime giocate di Zaytsev e di Kurkaev dalla parte russa. Poi però un ace di Volkov porta a +2 i russi (6-8) e si cambia campo. Blengini chiama il time out che fa sbagliare a Volkov la battuta. Non riusciamo ad essere incisivi e la Russia si porta sul +4 (10-14) e soprattutto sul match point. Blengini decide di giocarsi la carta Baranowicz in battuta, ma una buona ricezione e un attacco di Mikhaylov chiudono la partita in favore dei russi sul punteggio di 11-15.

di Gaia Medeiros

Ph. www.fivb.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto