MONDIALE MASCHILE: CHE SPETTACOLO IL FORO, CHE SPETTACOLO GLI AZZURRI! BENVENUTI AL MONDIALE TUTTO TUTTO ITALIANO

ITALIA 3 – 0 GIAPPONE (25-20, 25-21, 25-23)

Mano sul petto,cuore pronto, e si parte! Grande affluenza al Foro Italico per la partita inaugurale del Mondiale, con un pubblico gremito e molto molto carico e anche molto molto speciale con la presenza del Presiente della Repubblica Sergio Mattarella e tutti i big passati della pallavolo mondiale. In campo coach Blengini schiera la diagonale Giannelli-Zaytsev, le bande Juantorena-Lanza, i centrali Anzani-Mazzone e il libero Colaci. Dopo le due amichevoli giocate contro la Cina a Siena e Padova (vinte entrambe dall’Italia), è ora di fare sul serio. Subito la squadra azzurra fa la voce grossa a muro: ne mette a segno uno la coppia Zaytsev-Mazzone già sul 4-3, replica Anzani firmando il 9-6. Da qui la squadra di capitan Colaci perde un po’ la concentrazione, Juantorena sbaglia sul 9-7 e ancora sul 10-9 da posto due. Un altro errore di Lanza porta il Giappone sulla stessa lunghezza d’onda degli avversari sull’11-11. Ci pensano poi Simone Giannelli con un’alzata ad una mano spettacolare e conseguente lavatrice di Zaytsev a rimmettere in carreggiata l’Italia (14-13). Lo stesso Ivan è autore di una difesa che permette a Osmany Juantorena di mettere a segno uno spettacolare mani fuori (16-14). A questo punto del set è anche il Giappone a mollare un po’ sul 19-16, ma gli azzurri non mollano: vola Max Colaci in ricezione, e Anzani non perde l’occasione di firmare il 20-17. Ora è Zaytsev il protagonista assoluto in campo: mette a segno un muro sul 21-17, difende e permette a Lanza di firmare il 23-18, e mette a segno un ace sul 24-18. Ci pensa Juantorena a chiudere il set, 25-20.

Ph. Alessia Crespi per Daily Volley

Nel secondo set scende in campo un’Italia che ancora non si è sciolta completamente, pasticcia in difesa e lascia forse un po’ troppo campo ai giapponesi tenendo comunque gli avversari a 2 punti di distacco. Il Giappone non demorde e con un ace aggancia l’Italia sul 9-9. Lanza porta l’Italia a +2 sull’11-9 ma continua il momento no azzurro in battuta. Ancora una volta è Simone Giannelli a suoare la carica con un grande muro sul 15-12 sullo schiacciatore giapponese con la casacca numero 1. Sul 16-15 i giapponesi mettono a segno il primo muro su Ivan Zaytsev. L’Italia subito risponde con un grande scambio: vola Giannelli in difesa, e ancora Colaci, Anzani deve solo fare un buco per terra (19-15). Ancora una grande azione degli Azzurri, ma questa volta finisce a favore degli ospiti per un fallo a rete di Zaytsev (20-18). Il grande muro di Mazzone porta la nazionale azzurra al 22-19, e replica Zaytsev con una grandissima schiacciata dalla seconda linea mettendo quasi ko gli avversari e facendo esplodere il pubblico. Sul 24-20 coach Blengini si gioca la carta Nelli in battuta, che però sbaglia. Un’azione lunghissima chiude il secondo set: confusione in campo italiano, altrettanta in campo giapponese, la chiude Giannelli di seconda intenzione!

La parità regna sovrana nell’apertura del terzo set, ma è il Giappone a mettere il naso avanti con un ace sul 4-6. Il muro di Osmany Juantorena riporta gli azzurri in parità (8-8), e ancora una doppia fischiata in campo giapponese (9-9). L’11-10 è regalato da un errore in attacco del centrale giapponese, come poi il 12-10 confermato dal video-check. Sul 12-11 Juantorena si fa murare dal nastro in pipe, portando la partita di nuovo in una pericolosa parità. Al momento del bisogno, Ivan risponde con una bordata in battuta (ricordate Italia-USA?) sul 15-13. Il Foro si alza in piedi sul 15-14, quando va in scena uno scambio spettacolare finito con il punto per gli ospiti: l’Italia riprende fiato e coraggio e mette un grande muro-tetto firmato Ivan Zaytsev sul 19-16. Il Giappone resta comunque attaccato sul 20-19, ma l’Italia con un bel muro a tre si guagna il 22-19. Lanza sbaglia e fa riavvicinare pericolosamente gli avversari sul 22-21. Il pubblico in piedi fa sentire tutta la propria energia, e sul 24-22 arriva il primo match point. La chiude Osmany Juantorena sul 25-23. Poteva iniziare meglio questo Mondiale tutto tutto tutto italiano?

 

di Alice Biondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto