#VNL FEMMINILE: POKERISSIMO ITALIA, SCONFITTA LA REPUBBLICA DOMINICANA.

di Giorgio Cipolletta, Italia- Dominicana.

A cinque incontri dal termine della #VNLFEMMINILE, l’Italia affronta la formazione caraibica, tra le fanaline di coda del torneo. Un team azzurro che deve spingere per trovare una difficile qualificazione tra le grandi.

Avversario di giornata: La formazione centroamericana è terzultima in classifica a quota 8 punti. Nulla da chiedere, alle nove sconfitte brillano solo le vittorie su Thailandia e Argentina (penultima e ultima).

Quì casa Italia: Le ragazze di Mazzanti sono settime in classifica a 18 punti (6 vittorie e 5 sconfitte). Azzurre imbattute da quattro turni avendo battuto inoltre la Cina e la Serbia (finaliste olimpiche a Rio. Nulla è ancora scritto, si insegue una FinalSix non lontana, con questo calendario, sognare non è impossibile…

Volleyball.it
Volleyball.it

ITALIA – REPUBBLICA DOMINICANA 3-0 (25-18, 25-15, 25-20)

Mazzanti si affida alla formazione tipo: Malinov-Egonu, Bosetti-Pietrini, Chirichella-Danesi al centro e come libero la solita Moki De Gennaro.

Partono col piede giusto le italiane (4-0) e muro Chirichella. Un pallonetto di Egonu regala l’allungo (6-3). Ad eccezione di Martinez, le caraibiche non sono in campo, Chirichella piazza il muro su Pena (21-14). Il punto finale porta il nome di Danesi con un primo tempo perfetto.

Subito col block e allungo anche il secondo set (3-1). In campo c’è una super Bosetti che guida la fuga italiana. Petrini continua a martellare (15-7). L’Italia è nelle mani di Paola Egonu, così le azzurre scappano e chiudono il set.

Il terzo set è in salita per le italiane. Azzurre che cadono sotto i colpi di Lopez (2-6), ma il pareggio arriva sul (7-7), dopo un ace di danesi. L’Italia allunga col muro di Egonu (11-9), Martinez trova il pareggio (15-15), poi esce dal campo infortunata. Le caraibiche riallungano di nuovo con Pena (17-19). Nel finale però si scatenano Pietrini e Egonu prima di Lubian, che chiude il match.

Volleyball.it
Volleyball.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto