#VNL FEMMINILE: ORGOGLIO ITALIA, SCHIACCIATA L’ARGENTINA.

Di Giorgio Cipolletta Argentina.

Dopo la brutta sconfitta di ieri, le azzurre di Mazzanti tornano in campo sul taraflex di Hong Kong. Per riscattare la rimonta subita dal Giappone, l’Italia deve provare a dare un segno in vista della F6.

Avversario del giorno è l’Argentina, fanalino di coda nel torneo, dopo 7 giornate, le sudamericane sono a quota 0 punti. Per Egonu e compagne un avversario sulla carta, tutt’altro che tosto. Per le tricolori ci sono le ultime carte da giocare per sognare una F6 lontana.

Fonte: VNL
Fonte: VNL

ITALIA – ARGENTINA 3-0 (25-15, 25-16, 25-16)

Mazzanti schiera il sestetto tipo Malinov-Egonu, al centro Chirichella-Danesi, Bosetti-Sylla, libero De Gennaro.

L’italia parte subito con il botto e l’ace di capitan Chirichella (3-1). Sylla piazza l’allungo (8-3). È una super Bosetti a spingere il parziale e l’ace di Danesi (neo campionessa d’Italia con l’Imoco Conegliano allunga (13-6). Il fine parziale porta la firma di Mingardi che porta avanti le azzurre. 

Secondo set che viaggia sugli equilibri con l’Argentina più prepotente. Gli allunghi sono siglati da Sylla (6-4), (14-10). Grande prestazione di Lucia Bosetti, veterana della formazione tricolore. L’allungo è decisivo e dettato da Chirichella che con il muro (22-16), fa partire lo sprint finale chiuso da Sylla con una delle sue botte finali.

È un’Italia in totale controllo, l’Albiceleste dimostra di non essere una top del torneo. Si parte subito con il break italiano (6-3 Malinov). L’argentina non ha energie disponibili e sembra soccombere sotto gli attacchi di un’Italia coriacea. Pietrini piazza la diagonale vincente e Mingardi finalizza (20-15), il resto è tutto in discesa per le azzurre.

Riscattata dunque la sconfitta di ieri contro il Giappone. Disfatta che può aver compromesso il cammino italiano per lea Final Six. Chirichella e compagne si riscattano con una vittoria che da morale e spirito. A perdere è l’Argentina, ultima del torneo a quota 0 punti nella Nation league.

Fonte: Corrieredellosport
Fonte: Corrieredellosport

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto