#VNL: Una straripante Italia batte la Serbia in tre set

Eccoci al terzo match di questo primo weekend di Nations League. Oggi l’Italia di Blengini sfida a Kraljevo la Serbia padrona di casa. Una partita in cui a fare da assoluta protagonista è stata sicuramente la nazionale azzurra, che ha dominato dall’inizio alla fine. Serbi di contro in estrema difficoltà per tutta la durata del match.

Si conclude quindi con tre vittorie su tre questa prima avventura della nostra nazionale.

Primo Set (25-20)

Parte bene l’Italia che riesce sin da subito a trovare il vantaggio sui padroni di casa (6-3). I Serbi recuperano con Podrascanin a muro sul primo tempo di Anzani (6-6).  Gli azzurri si riportano avanti, complice una pipe di Juantorena, ed un muro di Zaytsev ai danni di Atanasjevic (13-9). L’ace di Nelli fa aumentare il margine di vantaggio a cinque punti (19-14). Ne segue quello di Zaytsev per il 21-15, che mostra una Serbia sofferente. Riescono a strappare qualche punto i padroni di casa, complice un invasione a rete  (Ma ne siamo sicuri????) 24-20.  A chiudere il set ci pensa il servizio out di Podrascanin.

Secondo Set (25-18)

Il secondo set inizia in maniera equilibrata con le due squadre a battersela punto su punto. Juantorena in parallela e Zaytsev in diagonale permettono all’Italia di trovare i quattro punti di vantaggio (9-5). Tocca invece a Randazzo mettere a segno il + 5 (13-8).  Con una Serbia in difficoltà, gli azzurri ne approfittano per dominare il set (19-12). Cerca di strappare qualche punto Luburic, ma la storia non cambia (20-14).  Complici i troppi errori della formazione serba, l’Italia conquista agilmente il set sul punteggio di 25-18.

Terzo Set (25-16)

Comincia subito alla grande il terzo parziale. Un super recupero di Colaci permette ai suoi di conquistare il primo break (3-1). Podrascanin sbaglia un primo tempo e gli azzurri volano sul 5-1. Zaytsev mette a segno l’8-3 trovando il mani out del muro avversario. La Serbia strappa qualche punto grazie ad Atanasjevic. Una straripante Italia continua a martellare gli avversari, scavando un solco che si fa di 8 punti (15-7). Zaytsev mette a segno un ace alla bellezza di 134,0 km/h per il punteggio di 17-7. Recupera un break la Serbia, ma il margine appare insormontabile (19-11). Juantorena di prima intenzione stampa il 21-12 per la formazione azzurra. Cerca la reazione la formazione di casa, che recupera qualche punto, ma con l’attacco di Parodi si conclude il match sul punteggio di 25-16.

 

di Arianna Mecozzi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto