#FINALIA1F, GARA 3: CONEGLIANO ESPUGNA NOVARA, È MATCH POINT SCUDETTO.

di Giorgio Cipolletta. Conegliano.

Tutto sembra in favore delle azzurre, con gara 1 conquistata e una gara 2 quasi rimontata. Invece al PalaIgor Conegliano arriva e con un sonoro 0-3 si prende Gara 3, con la possibilitá di chiudere la corsa Scudetto tra le mura amiche di Treviso.

Letizia Valle
Letizia Valle

IGOR GORGONZOLA NOVARA (1) – IMOCO VOLLEY CONEGLIANO (3) 0-3 (12-25, 19-25, 19-25)

Ci siamo, il PalaIgor è sold out. Un palazzetto pieno, è una giornata di festa e il tricolore fa da protagonista. Allo striscione dei tifosi di casa (#InsiemeSiamoPiùForti), rispondono i circa 150 tifosi arrivati dal Veneto.

I coach schierano i migliori sestetti stagionali. La partenza è subito shock per le scudettate che cadono sotto i 3 muri di Folie su Egonu. Il primo spint è legittimato dal turno in battuta di Sam Bricio (3-8). Le novaresi non sono in campo e Fabris martella per chiudere un set a senso unico.

Nel secondo set, Conegliano deve affrontare un grande infortunio. Raphaela Folie cade e viene trascinata fuori dal campo in barella.

Letizia Valle
Letizia Valle

Al suo posto entra Melandri ma la riscossa delle gialloblù non tarda ad arrivare. Wolosz gioca d’intesa con la solita Fabris. Barbolini prova a cambiare le carte inserendo Enright per capitan Piccinini (16-18). Skorupa inizia a giocare al centro con Chirichella, ma sembra non servire a nulla. Fabris in attacco e De Gennaro in difesa chiudono anche il secondo set.

È una Novara irriconoscibile ma prova a riaprire il match con Plak (11-9). Poi la luce si spegne di nuovo (o forse non si è mai accesa), iniziano gli errori per le piemontesi che non riescono più ad esprimere il gioco. A nulla resta per l’Imoco che festeggiare una vittoria che potrebbe avere il gusto dello Scudetto.

Novara si trova con le spalle al muro per la prima volta in stagione, in un PalaVerde infernale dovranno provare a ribaltare i pronostici per non vedersi scucire il tricolore dal petto.

Letizia Valle
Letizia Valle

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto