Finale scudetto: Perugia festeggia la vittoria in Gara 1!

COPERTINA PLAYOFF SUPERLEGA

Gara 1 di finale scudetto, la tensione al PalaEvangelisti è altissima. I Block Devils  trionfano sugli ospiti in trasferta dalle Marche e iniziano a sognare il tricolore.

SIR SAFETY PERUGIA – CUCINE LUBE CIVITANOVA 3-1 (25-21, 22-25, 25-18, 25-23)

Come da copione, parte a razzo la Sir. La Lube ci impiega un attimo prima di entrare seriamente in partita e rimane sotto (4-0) alle prime battute.
Tanti gli errori e i marchigiani avanzano lentamente. Juantorena trova il quarto punto (6-4), primo punto effettivo per loro.
Perugia è determinata. Russell si scatena da posto quattro, facendo volare la squadra a +5 (16-11). Si riavvicina pericolosamente Civitanova fino a pareggiare (19-19) con Sokolov, esplosivo dai nove metri. I padroni di casa non ci pensano due volte a ristabilire l’ordine in campo e chiudono poco dopo per 25-21.

Secondo parziale più equilibrato. Le due formazioni si rincorrono e solo sul 9-11 si allontanano i ragazzi di Medei. Vantaggio di +2 per gli ospiti fino al 16-16, quando è nuovamente parità.
Ma attenzione a Juantorena! La pantera, che firma la bellezza di 22 punti in match, riporta avanti la Lube grazie ad un ottimo turno in battuta (16-19). Sempre suoi i due attacchi vincenti che trascinano i biancorossi al 19-24.
Si impone De Cecco nell’altra metà campo. L’argentino annulla tre set point e cerca di fermare l’avanzata nemica. Un servizio in rete sul 22-25 consegna la frazione al club di Civitanova.

Ph: LegaVolley
Ph: LegaVolley
1-1 ED É TUTTO DA RIFARE. LA LUBE VUOLE IL TIE BREAK, MA PERUGIA NON CONCEDE PIÙ NULLA.

La Sir ritrova il dominio di Gara 1. Dalla situazione di stallo iniziale del terzo set, si porta in vantaggio di tre lunghezze (11-8) grazie ad Atanasijevic. 20 punti in questa partita di finale scudetto, l’opposto si fa sentire e ci va giù pesante, impedendo qualsiasi tentativo di recupero della Lube. Dal 19-16 si aggiungono al compagno anche Anzani e Zaytsev, incisivi a muro. Poche le palle a terra nel campo perugino e finisce 25-18.

Nell’ultima mezz’ora di match Civitanova si gioca il tutto per tutto e sta alle costole degli Umbri. Ambisce al quinto set. In un primo momento sembra impossibile perché è evidente la superiorità della Sir (10-6).
Poi si rimboccano le maniche Sokolov e Osmany. Il bulgaro accorcia le distanze una prima volta (14-12) e il numero 5 fa magie come nel secondo set. Quattro punti a terra consecutivi, si arriva velocemente al 21-20.
Risponde a dovere la squadra di Bernardi, che di andare avanti non vuole saperne, e si conclude tutto sul 25-23.

Piccolo passo avanti vincendo Gara 1, riuscirà Perugia a mantenere il vantaggio anche in casa biancorossa?
Seconda partita della serie mercoledì sera, all’Eurosuole Forum.

di Ilaria Brignoli

Related posts

Leave a Comment