#SERIEA2M PLAYOUT: IL CLUB ITALIA CONFERMA LA SERIE DI VITTORIE VINCENDO ANCHE FUORI CASA, LAGONEGRO LA SPUNTA NEL SECONDO TIEBREAK CONTRO TAVIANO, MASSA SI RISCATTA CON UNA VITTORIA CASALINGA

Al via la seconda giornata della pool salvezza: alcuni risultati sono stati confermati, altri completamente ribaltati. Massa si riscatta dopo la sconfitta della scorsa giornata, Club Italia e Lagonegro confermano i risultati ottenuti in precedenza con delle belle prestazioni.

MESSAGGERIE BACCO CATANIA – CLUB ITALIA CRAI ROMA 0-3 (23-25, 22-25, 19-25)

Seconda sconfitta consecutiva, questa volta in casa, per Catania che si vede nuovamente battuta da un tenace Club Italia, che compie invece un altro passo avanti in ottica salvezza. Poco più di un’ora e mezza di gioco che ha visto un’ottima prestazione a muro per entrambe le formazioni (6 per Catania e 9 per il Club Italia), che ben si sono comportate anche dalla linea dei nove metri con 6 ace a testa. Dalla prossima giornata Catania dovrà cercare di non fallire più.

Un evento curioso ha segnato questa partita: nel terzo set ha fatto il suo ingresso in campo, per la terza volta in questa stagione, Pierluigi D’Angelo, 54 anni, palleggiatore di Catania.

ph.LegaVolley

Nel primo set Catania parte bene e riesce ad avvantaggiarsi di alcune lunghezze (16-11), ma il Club Italia, in crescendo, conquista prima il pareggio e poi passa in vantaggio (16-19). Molti errori di Catania chiudono il set, che finisce con il parziale di 23-25.

Il secondo set vede le squadre avanzare e raggiungersi fino al 12 pari: una maggio efficienza in attacco (58%) permette agli azzurrini di portarsi sul 2-0. Nel terzo parziale Catania non riesce mai ad entrare in partita e lascia così alla squadra di coach Cresta anche gara 2.

GEOSAT GEOVERTICAL LAGONEGRO – PAG TAVIANO 3-2 (25-22, 22-25, 25-19, 23-25, 15-10)

Dopo quello della settimana scorsa, Lagonegro riesce a portare a casa anche questo secondo tiebreak giocato contro Taviano. Un’autentica battaglia, in quello che si sta preannunciando come forse lo scontro più equilibrato in questa fase finale.

Lagonegro parte fin dal principio con il piede giusto, portandosi agilmente sul 10-6. Poi è Taviano a tornare sotto, passando al +2 (12-14). Da questo momento le due formazioni si sfidano punto a punto; a portarsi sull’1-0 è però la squadra di casa grazie anche ad una maggior efficienza nel fondamentale della ricezione. Nel secondo set invece la situazione è opposta: le due squadre si sfidano punto a punto ma è una Taviano più precisa a pareggiare i conti chiudendo 22-25.

ph.LegaVolley

Nel terzo parziale invece Lagonegro torna nuovamente in vantaggio: come era già stato in precedenza, le due squadre si sfidano punto a punto, prima 3-1, poi 7-5 e la parità viene raggiunta sul 15-15. Le giocate di Holt, autore di 17 punti nell’intero match, permettono alla squadra di passare nuovamente in vantaggio e chiudere con il parziale di 25-19.

Il set del pareggio di Taviano è molto combattuto: le due sfidanti giocano con ogni mezzo, ma alla fine Lagonegro è più sfortunata perché si trova a dover sostituire per infortunio lo schiacciatore americano Sam Holt e il libero Fortunato. Nel tiebreak è nuovamente Lagonegro ad avere la meglio, sostenuta da un’ottima prestazione a muro (6) ed un minor numero di errori. A chiudere il set è un attacco di Gioiosa.

ACQUA FONTEVIVA MASSA – CONAD REGGIO EMILIA 3-0 (25-23, 33-31, 25-22)

Massa riscatta immediatamente la sconfitta subita fuori casa la scorsa settimana con una efficace prestazione che le consente di battere la sua diretta avversaria, Reggio Emilia, con un bel 3-0.

Il best scorer della partita è stato Cuk Adelko con 24 punti.

ph.LegaVolley

Ma veniamo alla partita: nel primo set Massa parte subito decisa staccando di un break gli avversari (2-0). Poi comincia una lunga rincorsa fra le due formazioni, quando Massa avanza (7-3), Reggio Emilia, ricorrendo alle proprie energie, ritorna sotto (13-13). E poi nuovamente, 17-13 e poi 21-21. Sul 23 pari, è Massa a conquistare il primo parziale.

Il secondo set si chiude invece ai vantaggi, con un risultato che quando lo si legge ci si stropiccia gli occhi perché non si crede di aver letto 33-31. Dopo moltissimi scambi che hanno visto condurre il set prima ad una squadra e poi all’altra, è un’invasione aerea fischiata ai danni di Iglesias a permette alla squadra di casa di andare sul 2-0. Nel terzo invece, sono una maggior efficacia in ricezione (56% positiva, 50% perfetta per Massa, contro 43% e 22% di Reggio Emilia) e ben 4 muri a permettere alla squadra di coach Masini la vittoria del match.

 

di Alice Chiarot.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto