Play-off Challenge: Padova e Monza con un piede in finale. Soffrono Verona e Latina.

E’ il tie break la regina della gara di andata delle semifinali dei Play-Off Challenge Cup di Superlega. A mettere un piede in finale, dopo un combattuto 3-2, Padova e Monza. A sfidarle, rispettivamente Verona e Latina.

 

 

 

 

 

Kioene Padova – Calzedonia Verona 3-2 (21-25, 25-23, 25-23, 23-25, 20-18)

Ph: Legavolley.it
Ph: Legavolley.it

Il primo parziale si apre con gli ospiti che subito premono sull’acceleratore e si portano sul 7-10. La panchina patavina ferma allora il gioco, ed al ritorno in campo l’equilibrio è ristabilito. Punto a punto per qualche scambio, poi gli atleti di Grbic hanno di nuovo la meglio ed è 15-21. Dominio giallazzurro, allora, e 0-1.

Ancora gli scaligeri ad avere la meglio nei primi scambi del secondo parziale per il 5-9. Balaso, però, chirurgico in ricezione, guida la squadra vero il 14 pari. Le due formazioni, allora, si battono senza risparmiarsi fino a quando i padroni di casa pareggiano i conti. 1-1 sul tabellone e tutto da rifare per la Calzedonia.

Il terzo game si apre all’insegna dell’equilibrio. Nonostante i troppi errori in battuta, infatti, nessuno dei due sestetti sembra prendere il largo. Ci provano i padroni di casa ad allungare, ma Grbic mischia le carte in tavola ed è di nuovo parità. Ad avere la meglio Nelli e soci, che ribaltano le sorti del match.

Il quarto tempo vede una Verona combattiva portarsi subito sul +3 del 4-7. Padova ci prova ad accorciare le distanze, ma la panchina giallazzurra ferma il gioco. Al ritorno in campo, gli ospiti dominano la scena ed è 16-20. Ci provano allora i bianconeri ad accorciare le distanze, rosicchiando lunghezze importanti. Verona però non perdona ed è 2-2.

Gli ospiti si portano subito in vantaggio nel tie break, +2 al cambio campo. Un imperioso 9-13 illumina poi il tabellone, ma i patavini lottano palla su palla ed è 14 pari. Il sigillo sul match arriva solo sul 20-18 per mano di Randazzo ed è 3-2 alla Kioene Arena.

 

 

Taiwan Excellence Latina – Gi Group Monza 2-3 (22-25, 25-19, 25-21, 20-25, 11-15)

Ph: Legavolley.it
Ph: Legavolley.it

Il match del PalaBianchini si apre con i due sestetti che si studiano, viaggiando punto a punto. I brianzoli, però, premono sull’acceleratore e si portano sull’11-17, costringendo Di Pinto a fermare il gioco. Sembra risvegliarsi la Taiwan Excellence, che si rifà sotto fino al 17-20, ma la Gi Group non ci sta. Dzavoronok prende i suoi per mano e segna sul tabellone il 22-25 che vale lo 0-1.

Stesso copione nell’avvio del secondo parziale ma, questa volta, sono Savani e compagni ad allungare per il 14-11. Gli atleti di di Falasca annaspano, costretti alla prenne rincorsa. 17-14, 19-16, Ishikawa a tutto braccio mette un’ipoteca sul set. E’ proprio il giapponese a sugellare l’1-1 con l’attacco che vale il 25-19.

Tutto da rifare, quindi, nel terzo tempo. Monza e Latina se la combattono anche questa volta, ma sul 7-7 i pontini prendono il largo ed è 18-11. Un’ottimo turno al servizio di Botto rimette in corsa la Gi Group fino al 20-15. Barone prima ed il capitano poi acciuffano i ragazzi di Di Pinto fino al 24-21, ma un’invasione segna il 2-1.

Apparente equilibrio a dominare l’avvio del quarto parziale, ma Monza, guidata da Hirsch, allunga fino al 10-14. Sale allora in cattedra Ishikawa ed è 14-15, costringendo Falasca a fermare il gioco. Al ritorno in campo è ancora il numero 10 brianzolo a fare la voce grossa per il 19-23. L’ace di Shoji segna allora il 2-2 e rimanda il verdetto al tie-break.

1-4, 4-6, Monza parte subito aggressiva ed al cambio campo è 5-8. I centrali brianzoli alzano la voce a muro e fanno segnare il 10-12. Ci riprova Latina a rifarsi sotto, ma l’ennesimo muro di Beretta mette la parola “fine” sul match per 2-3.

La Gi Group Monza e la Kioene Padova, quindi, pur soffrendo, mettono un piede in finale dei Play-Off Challenge. Verona e Latina, invece, per ribaltare le sorti della serie, dovranno vincere la gara di ritorno per 3-0 o 3-1.

Roberta Velocci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto