PLAYOFF: VITTORIA PER TRENTO E MODENA IN GARA 2

Durante il giorno di Pasqua sono andate in scena le due partite di Gara 2 delle semifinali dei Playoff Scudetto; ad affrontarsi sono state: DIATEC TRENTINO contro SIR SAFETY CONAD PERUGIA e AZIMUT MODENA contro CUCINE LUBE CIVITANOVA. I risultati di Gara 1 sono stati completamente ribaltati, infatti ad imporsi sono state: TRENTO e MODENA che, davanti alle loro tifoserie, non si sono fatte mettere i piedi in testa. Le squadre ora sono in perfetta parità 1-1. Si tornerà in campo il prossimo fine settimana per disputare Gara 3.

DIATEC TRENTINO – SIR SAFETY CONAD PERUGIA 3-2 (26-24; 13-25; 19-25; 25-23; 15-10)

 

Partita combattutissima al PalaTrento, dove i padroni di casa, supportati dalla Curva Gislimberti, dopo due ore e trenta di partita, hanno avuto la meglio sui Block Devils. Mvp della serata Luca Vettori. Da sottolineare anche le buone prestazioni di: Kovacevic e del giovane Kozamernik.

La partita inizia bene per entrambe le squadre Trento e Perugia si rincorrono (6-6), ma grazie a Zaytsev, Berger, e Podrascanin la Sir si porta avanti di tre lunghezze. Perugia continua ad attaccare forte (9-14) e si porta avanti con il punteggio (14-18). Numerosi errori da parte dei Trentini regalano il match point a Perugia (20-24). Trento non ci sta e in pochi minuti annulla ben quattro match point e con un ottimo turna in battuta di Kozamernik Trento chiude il set 26-24.

Dominio indiscusso di Perugia nel secondo set, Trento parte spenta e commette numerosi errori (2-9). Atanasijevic scatenato, fa fuoco e fiamme dai 9 metri siglando numerosi ace (2-11). Trento non riuscirà mai a riprendersi in questo set, inutili i cambi di Lorenzetti. Il set si concluderà 13-25.

Il terzo set inizia molto bene per entrambe le squadre ma grazie ad un ottimo lavoro dei Perugini la Sir si porta avanti (5-10). Perugia continua a mantenere il vantaggio (9-14), ma grazie ad un ritrovato Hoag Trento si riavvicina (13-16). Ancora una volta grazie ad un proficuo turno in battuta di Podrascanin i Block Devils aumentano le distanze (16-21); è Zaytsev a chiudere il set 19-25.

Trento non vuole arrendersi, cambia atteggiamento e inizia con il piede giusto il quarto set (5-1), grazie ad uno scatenato Vettori, servito e smarcato molto bene dal regista Giannelli, Trento non si fa prendere da Perugia (16-12). Zaytsev cerca di fermare Vettori con una super murata (19-17). Recuperati i punti di differenza, gran finale di set (22-22). Trento riesce ad ottenere due set ball (24-22). Il muro di Anzani annulla il primo (24-23), ma Trento non molla e riesce ad arrivare al Tie Break. Il set si conclude 25-23.

Il Tie break inizia equilibrato: punto a punto (3-3). Trento vuole portare a casa Gara 2 e con buone giocate e un ace si porta avanti (8-3), Perugia è in fase confusionale. Situazione difficile per la Sir che non riesce a riprendersi (11-5). Capolavoro di Lanza sul (13-7), Perugia cerca di aggrapparsi ad Atanasijevic e Russel, ma nulla da fare è Trento a vincere Gara 2 dei Playoff (15-10).

Ph. Legavolley.it
Ph. Legavolley.it

AZIMUT MODENA VOLLEY – CUCINE LUBE CIVITANOVA 3-1 (25-16; 29-27; 22-25; 25-23)

Grandi emozioni a Modena, durante il giorno di Pasqua oltre 5000 spettatori si sono ritrovati al PalaPanini per assistere a Gara 2 delle semifinali dei Playoff Scudetto tra AZIMUT MODENA VOLLEY e CUCINE LUBE CIVITANOVA. Serata ricca di emozioni e cartellini. Mvp della serata il regista brasiliano Bruninho.

Primo minuto, primo punto, primo cartellino giallo; e questo sarà solo l’inizio. Modena e Civitanova partono subito forte (4-4), Christenson si affida all’opposto bulgaro Sokolov ma Modena lo ferma (10-8). Grazie ad un eccellente servizio Modena incrementa il vantaggio (15-12). Urnaut fa la voce grossa in prima linea (21-15), Sabbi chiude il primo set 25-16.

Partita movimentata (5-3), Modena è carica e gioca molto bene, si alternano Ngapeth e Sabbi (9-6). Grande tensione nel campo, arriva infatti un altro cartellino giallo, questa volta per Candellaro (12-9). Urnaut porta ancora punti alla sua squadra (22-20). Civitanova non si arrende e pareggia i conti (24-24). Finale di set punto a punto. A Modena intanto continua il nervosismo e l’arbitro è costretto ad estrarre un doppio cartellino rosso (27-26). Con un errore di Sokolov l’Azimut vince anche il secondo set (29-27).

Ph. Legavolley.it
Ph. Legavolley.it

Avvio equilibrato nel terzo set (13-13). Civitanova non si arrende e Christenson si affida a Stankovic (14-16). Buona prestazione anche di Sokolov che in diagonale è imprendibile. Due ace consecutivi di Ngapeth ribaltano il punteggio (21-19). Juantorena viene servito bene e attacca forte (22-24), i marchigiani ottengono il terzo parziale 22-25.

 

Il quarto set vede subito in vantaggio Modena (7-5), la Lube è molto nervosa e scostante (13-9), Medei tenta alcuni cambi: entrano Cester e Sander. Modena cerca di scappare e allunga le distanze, più sei. Il muro di Modena non fa passare niente e nessuno. Anche Candellaro, dall’altra parte della rete, si fa sentire in questo fondamentale (22-19). Sono quattro i match point che Modena ha a disposizione per archiviare Gara 2; Sabbi colpito da crampi abbandona il campo. La squadra marchigiana rimonta (24-23), ma Holt chiude 25-23.

di Erika Introini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto