#SUPERLEGA: Sir Safety Conad Perugia regina della Regular Season con due giornate d’anticipo

Undicesima giornata di ritorno della Superlega. Il turno infrasettimanale ha incoronato la Sir Safety Conad Perugia del presidente Gino Sirci prima in Regular Season. Lube, Modena e Trento vincono, confermando la loro posizione in classifica. Bene anche Piacenza, che la spunta al tie break con Monza, e Verona.

Iniziamo questo resoconto proprio con il match fra Calzedonia VeronaPowervolley Milano. Ve ne parlerà il nostro Francesco 😉

CALZEDONIA VERONA –  REVIVRE MILANO 3-1 (25-17, 20-25, 25-21, 25-20)

Ph. Legavolley.it

di Francesco Carletto

Verona parte fortissimo nel primo set. Birarelli a muro e Pajenk in battuta scavano subito un solco consistente (8-3). Calzedonia lavora bene a muro e in difesa, allungando ulteriormente il distacco. Abdel-Aziz prova a suonare la carica, ma Verona gestisce bene e chiude il set senza preoccupazioni per 25-17.

Nel secondo set Milano entra in campo molto più determinata e si porta subito in vantaggio. Verona non si dà per vinta e rimane sempre aggrappata al set. Le giocate degli ospiti però sono efficaci e Calzedonia fa qualche errore di troppo (per esempio un’incomprensione al centro tra Spirito e Pajenk). Nel finale Milano mantiene la concentrazione e pareggia, vincendo il set 20-25.

Milano pareggia i conti ma Verona non si arrende

Nel terzo set Calzedonia parte fortissimo, trascinata da Manavi. Il punteggio dice subito 7-2, lasciando presagire un parziale simile al primo set. Milano però non è dello stesso avviso e riesce a rimontare, pareggiando sul 10 pari. A questo punto sale in cattedra Stern. I suoi attacchi consentono a Verona di tornare in vantaggio (14-12). Gli altri attaccanti gialloblu completano l’opera, portando la Calzedonia ad un rassicurante 21-15. Il set si conclude con un errore di Piano. 25-21 per Verona.

Come nel secondo parziale, parte bene Milano. Questa volta la squadra di Giani però non è cinica a sufficienza e qualche errore di troppo permette ai padroni di casa di tornare in partita. Verona passa addirittura in vantaggio e con gli ace di Jaeschke e Spirito mette un vantaggio rassicurante tra sé e Milano. Nel finale è ancora Jaeschke a salire in cattedra: prima fa uscire Verona da una rotazione resa complicata dal buon servizio di Piano, guadagna il match point con un muro ed infine chiude la gara dopo essere stato servito da Spirito. Il set finisce 25-20, 3-1 per Verona.

Tre punti pesantissimi per la squadra di Grbic, che rimane nella scia di Trento e contemporaneamente si porta a +5 dal sesto posto a due giornate dalla fine. Nelle ultime giornate di Regular Season l’obiettivo è blindare il quinto posto (basterebbe un punto contro Perugia nell’ultima giornata o una vittoria già nella prossima gara) e perché no, provare ad attaccare il quarto posto di Trento per avere il fattore campo a favore durante i PlayOff.

BUNGE RAVENNA – AZIMUT MODENA 0-3 (18-25, 27-29, 19-25)

Modena gioca per assicurarsi il terzo posto in classifica, Ravenna per scalare la posizione. Partita sentitissima quella al Pala De Andrè, che inizia con equilibrio fra le due squadre. Ci pensano subito Argenta e Mazzone con i loro attacchi a segnare un solco coi ravennati: 13-10. Grazie al proprio buon contrattacco, Modena continua a spingere e chiude il primo set.

Ph. Legavolley.it
Ph. Legavolley.it

Secondo parziale più in equilibrio, con Argenta e Urnaut che spingono per Modena. Ravenna però resiste con Buchegger e con l’ace di Orduna (10 pari). Ngapeth sigla il vantaggio modenese (11-15), Mazzone innalza il divario a 6 punti, ma la Bunge non molla. Diamantini al servizio sul 19-23, e Ravenna segna un break di ben 5 punti. set point. Alla fine la spunta Modena che chiude con Urnaut.

Scatta subito Modena nel terzo set, anche se Marechal e Buchegger mantengono Ravenna a contatto. Mazzone sigla il 13-18,  Ngapeth conduce i suoi al matchball. Proprio in questo frangente Mazzone si infortuna ad una caviglia, ed alla fine Modena vince il match per 3 a 0.

GI GROUP MONZA – WIXO LPR PIACENZA 2-3 (25-21, 27-25, 21-25, 20-25, 8-15)

Match altalenante quello giocato a Monza, che alla fine ha premiato la resistenza di Piacenza. Primi due set da buttare nel cestino per gli uomini di Giuliani. Nel primo Monza parte subito in slancio con Beretta e Finger (8-5), ma Clevenot sigla il sorpasso (14-15). Si procede punto a punto finchè Dzavoronok non chiude per 25-21. Secondo parziale impietoso ancora per i piacentini, che riescono a prendere un buon vantaggio (10-14). I padroni di casa però recuperano, e grazie a qualche errore di Piacenza si aggiudicano il set.

Ph. Stefania Marone per Daily Volley

Terzo parziale del riscatto per Piacenza: fra le mani di BaranowiczAlletti e Fei ingrana un ottimo gioco. Sfruttando qualche errore di Monza si porta a casa la vittoria del parziale. Quarto e quinto set decisivi: la squadra di casa subisce un calo di attenzione, specialmente nel tie break. Monza accusa i colpi di Marshall, Clevenot e compagni e sembra totalmente in bambola nell’ultimo set. Dzavoronok e Plotnytskyi recuperano il break di svantaggio (6-4), ma con gli ace di Baranowicz la Wixo chiude il set e si porta a casa la partita.  Qui l’intervista post partita di Alessando Fei ai microfoni della nostra inviata alla Candy Arena Stefania 😉

DIATEC TRENTINO – TONNO CALLIPO CALABRIA VIBO VALENTIA 3-0 (25-16, 25-19, 25-21)

Ventesima sconfitta in campionato per Vibo, mentre Trento mantiene saldo il suo quarto posto in classifica. Una Trento in forma non ha dovuto sforzarsi più di tanto per vincere il match. È stata poca infatti la resistenza opposta da Vibo, mai realmente entrata in partita. Partenza sprint per gli uomini di Lorenzetti nel primo set, con Kovacevic e Giannelli che scavano il primo solco, aumentato da Vettori e Lanza (12-5). Vibo ha già esaurito i time out, in evidente crisi di fronte alla corazzata Trento. Spinta in avanti da Lanza la squadra di casa raggiunge velocemente il 25-16 e vince il set.

Secondo set fotocopia del primo, con Eder che dall’inizio mette giù tre punti di fila (3-0). Lanza e Kovacevic accumulano punti, Cavuto firma il 21-11. Sul finale Deivid Costa accorcia lo svantaggio di Vibo (22-17), ma Lanza chiude per 25-19.

Vibo rivoluziona il suo sestetto, e conquista un primo break di vantaggio (1-3) ma Eder ci mette una pezza e pareggia i conti. Kozarmenik allunga fino al 14-7, Vibo però tenta la rimonta con Domagala. Nonostante la pressione Trento recupera grinta e con un muro su Lecat chiude definitivamente il match.

SIR SAFETY CONAD PERUGIA – TAIWAN EXCELLENCE LATINA 3-1 (16-25, 25-16, 25-21, 25-10)

Grande serata per la Sir Safety Conad Perugia che, battendo per 3 a 1 Savani e co, si aggiudica il titolo di regina della Regular Season a due giornate dal termine. Bel colpo eh?

Primo set di prove per la Sir Safety Conad Perugia. Bernardi mette infatti in campo Berger e Ricci per Russell e Anzani. La Taiwan Excellence tiene bene il confronto nelle battute iniziali, restando sempre a contatto. Prende il largo sulla Sir Safety Conad Perugia con un ace di Sottile (10-13).  Bernardi inserisce Andric, ma Le Goff continua a picchiare ed un errore dell’opposto porta al 14-20. Due errori della Sir Safety Perugia infine coronano la buona prestazione degli ospiti e gli consegnano il  set.

Perugia non ci sta, vuole assolutamente vincere e mette alla corda Latina.

Sir Safety Conad Perugia
Ph. Francesca Segoloni per Daily Volley

Dal secondo set la musica cambia: la Sir Safety Conad Perugia prende un vantaggio di tre con una doppietta di Zaytsev e Berger. La coppia ZaytsevAtanasijevic comincia a fare danni nella seconda linea di Latina, e Perugia inanella una serie di punti. Ace dell’opposto perugino sul 14-7. A niente valgono i tentativi della Taiwan Excellence di rimontare con Maruotti e Starovic. La Sir Safety Conad Perugia ingrana la marcia e con un muro su Maruotti chiude il secondo parziale. Gli altri due set sono storia: Perugia ingrana la quinta, e con De Cecco, Berger e Zaytsev stabilisce un vantaggio a cui mettere una pezza risulta davvero difficile (14-6). Latina però non ci sta a rinunciare e arriva a toccare la coda alla squadra di casa con Ishikawa e Starovic (21-20).

Con un provvidenziale Atanasijevic la Sir Safety Conad Perugia chiude il set, e domina nettamente il successivo. Latina arriva appena a doppia cifra, non c’è storia. La Sir Safety Conad Perugia chiude il match e porta a casa la vetta matematica in campionato. Qui l’intervista della nostra inviata Francesca a capitan Luciano De Cecco al termine del match!

BIOSì INDEXA SORA vs  BCC CASTELLANA GROTTE 3-1  (21-25, 25-20, 25-20, 25-16)

Castellana Grotte non resiste oltre il primo set, e dopo aver tentato di fermare Sora, si arrende. Nel primo parziale i pugliesi con Canuto si avviano in vantaggio (3-6), e col contributo di Paris a muro arrivano ad accumulare un discreto vantaggio (6-12). I padroni di casa non riescono a svoltare nemmeno con l’ingresso di Fey, ed il set va a Castellana Grotte. Inversione di tendenza nei parziali successivi, nei quali Sora si riscatta mantenendo una buona continuità di gioco e lanciando sassate in battuta. Proprio il servizio risulterà decisivo in alcuni frangenti. Tanti errori si susseguono invece in casa BCC. In questo modo non riescono a contrastare in modo decisivo gli avversari, che finiscono per vincere il match.

Ph. Legavolley.it

KIOENE PADOVA – CUCINE LUBE CIVITANOVA 0-3 (18-25, 19-25, 22-25)

Lube ordinata, precisa ed efficace quella scesa in campo alla Kioene Arena, che contiene perfettamente l’entusiasmo avversario. Sokolov agguanta subito il primo break (4-8) con un ace. Un buon lavoro a muro dei cucinieri sull’ex Randazzo porta avanti gli ospiti, nonostante la grinta di Nelli. Chiude Juantorena con un ace per 18-25. Nel secondo set Padova ci mette più forza, e con Volpato arriva all’8-10. Juantorena però è dirompente, e trascina i suoi al 10-17. Ancora lui chiude il set per 19-25 dopo un finale in cui Civitanova ha brillato. Terzo parziale decisamente più equilibrato, finchè tre errori consecutivi di Padova, l’ultimo in attacco di Polo, non scrivono sul tabellone 19-22. A questo punto la Lube agguanta i punti mancanti con un boccone, e consolida la seconda posizione in classifica.

Domenica si giocherà la penultima giornata di ritorno di questa Regular Season, perciò appuntamento con me a lunedì, sempre qui per raccontarvi le prodezze del nostro campionato!

di Francesca Lupoli con Francesco Carletto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto