#COPPAITALIAF: ALLA F4 DI BOLOGNA, CONEGLIANO AZZERA LA UYBA, NOVARA RISPONDE CONTRO MONZA.

IMG-20180217-WA0022

di Giorgio Cipolletta.

Ebbene si, stavolta Daily Volley l’ha combinata grossa ed eccomi qua a scrivervi in diretta dal PalaDozza di Bologna. 4 squadre a contendersi il secondo titolo della stagione:

IMOCO VOLLEY CONEGLIANO:

1a in regular season, vanta 3 partecipazioni alla F4 (1 vittoria nel 2017), è l’attuale detentrice del titolo. Tanta fame di ripetersi ancora, la compagine veneta è la favorita d’obbligo.

UNET E-WORK BUSTO ARSIZIO:

4a in regular season, partecipazione n.8 alla F4 (1 vittoria nel 2012). Le farfalle ritornano nello scenario che meritano, scoglio subito in semifinale, ma tutto è ancora da giocare.

IGOR GORGONZOLA NOVARA:

2a in regular season, 3a partecipazione alla F4 (1 vittoria nel 2015). Considerando che gli ultimi due trofei sono finiti nelle mani delle piemontesi, le scudettate proveranno a continuare il trend.

SAUGELLA TEAM MONZA: 

5a in regular season grazie ad una stagione da cenerentola, 1a partecipazione assoluta alla manifestazione e alla F4. Ci arriva avendo battuto nel doppio confronto una favorita come Scandicci. Tanti ostacoli da superare per tentare la vittoria, ma le ragazze brianzole ci proveranno.

SF1: IMOCO VOLLEY CONEGLIANO – UNET E-WORK BUSTO ARSIZIO 3-0 (25-16, 27-25, 30-28)

Conegliano parte con Wolosz al palleggio, De gennaro libero, Danesi-Melandri al centro, Fabris-Bricio schiacciatrici e Hill.

UYBA in campo con Orro alla regia, Spirito libero, Stufi-Berti centrali, Bartsch-Diouf in attacco.

Primo set: Parte meglio la formazione lombarda con l’ace di Diouf (1-3), ma è un muro di Fabris a trovare il pareggio (3-3). Ace di Gennari e la UYBA prova a scappare, ritrovandosi (3-7). Poi le bustocche si spengono, Bricio e Hill guidano il contrattacco e superano (12-9). Nonostante un muro di Bartsch (12-10), Busto inizia a fare fatica e un ace di Bricio spezza il set (17-11). Conegliano scappa con 2 muri punti Fabris-Hill (20-12). Prova una timida rimonta la UYBA ma non riesce e Hill chiude il primo parziale.

Secondo set: Dopo l’iniziale allungo UYBA con Diouf (3-5), Conegliano pareggia e il set viaggia sui binari dell’equilibrio. A spezzare il gioco è Bartsch che trova il break (14-16), poi l’allungo sporco di Diouf (14-17). Bricio tiene le pantere attaccate (18-19), ma Diouf continua a martellare. Muro Botezat per la UYBA (20-23). Prima Fabris poi Bricio e pareggio Imoco (23-23). Bricio annulla il primo set ball UYBA, Diouf spara out il secondo set ball (25-25). E’ Bricio a firmare il sorpasso e punto del parziale.

Terzo set: L’Imoco non entra subito in gioco e la UYBA ne approfitta (1-5). 3 punti consecutivi Fabris (2 ace) e Conegliano riduce il gap (5-6). Fa tutto la croata per le venete e sorpasso, ma un errore delle compagne sigla il controbreak UYBA (7-9). Diouf mura l’attacco opposto e scappa (9-12), successivamente Bartsch risolve un lunghissimo scambio (12-15). Melandri mette il suo nome nel tabellino con il muro del (15-17). Gennari tira sul muro out gialloblù, Bartsch piazza l’allungo (16-21). Attenzione a Kim Hill (2 pt consecutivi) che la riapre per la Imoco (22-23),  Diouf spara out e l’incredibile rimonta è fatta (23-23). Conegliano annulla tre set point, poi se ne vede annullare due.

IMG-20180217-WA0020

SF2: IGOR GORGONZOLA NOVARA – SAUGELLA TEAM MONZA 3-2 (27-25, 27-29, 20-25, 25-19, 15-13)

Novara in campo con Skorupa al palleggio, Gibbemeyer-Chirichella centrali, Egonu-Plak e Piccinini all’attacco. Sansonna libero.

Monza risponde con Arcangeli libero, Hancock in regia, Dixon-Devetag centrali, Havelkova-Begic e Ortolani schiacciatrici.

Primo set: Parte benissimo la formazione campione d’Italia con Plak e Chirichella (5-1). Novara mantiene il vantaggio (8-5), ma Havelkova permette a Monza di tornare sotto poi Dixon trova il pareggio (8-8), infine Hancock piazza l’ace del (9-11). Ancora muro Chirichella a siglare il nuovo pareggio (11-11). Monza scappa due volte ma Egonu pareggia prima il (14-14), poi il (17-17). Ortolani tiene le brianzole avanti ma continua a regnare la parità assoluta. Out Egonu e set ball Monza (23-24), ma è proprio la classe ’98 a rimediare (24-24). Dopo un salvataggio miracoloso di Sansonna, è Egonu a chiudere il set.

Secondo set: Ortolani guida le brianzole (1-3). Egonu sigla la parità con l’ace (5-5), ma contro-ace di Begic (6-9). Monza scappa con Begic, ma le piemontesi sono lì (11-13). L’acuto novarese in questa fase arriva da un muro di Chirichella (13-15), con successivo avvicinamento (15-16). Passa avanti Novara per la prima volta con Plak (18-17), ma è Monza a scappare di nuovo (18-20). Ritrovata la parità, per Novara entra Enright, ma tira fuori la palla del (21-23). Annullato il primo set point, è Ortolani ad auto-annullarsi il punto (24-24). Ai vantaggi, è Egonu a sparare a rete, Monza pareggia il match.

Terzo set: Novara non subisce il colpo e martella con Plak (3-0) ma 2 ace consecutivi di Havelkova ristabilisce la parità (3-3). Monza allunga con l’ace di Ortolani (7-5), e l’ace di Begic (6-9). Candi mura le speranze di pareggio novarese e permette l’allungo (11-15). Le brianzole guidano con autorità ma c’è la speranza novarese con Plak (16-18). Havelkova allunga di nuovo (21-16), poi Dixon continua il trend (24-19). Servizio out di Plak e Monza passa avanti.

Quarto set: E’ il set del dentro-fuori per Novara che scappa subito con Egonu (6-2). Monza torna sotto con Havelkova (6-5) ma due muri novaresi e un punto di Plak ricreano il distacco (9-5). L’olandese di Novara si prende la scena e si carica sulle spalle la squadra (14-10). Egonu tiene a bada le brianzole (20-15). Il tie-break è servito dopo il punto n.28 di Egonu.

Quinto set: Novara parte col break, video-check e muro Chirichella (2-0). Ancora Chirichella e muro n.7 a regalare il (4-2). Monza ci prova ma è un ace di Egonu a mandare le squadre al cambio campo (8-5). Ancora Egonu ad allungare per le scudettate (10-6). Nonostante l’ace n.3 di Begic (14-13), Egonu firma il match point e Novara ribalta il match e va in finale.

IMG-20180217-WA0023

Foto di Letizia Valle

Related posts

Leave a Comment