#DELMONTECOPPA: Perugia si aggiudica la Coppa Italia contro i campioni in carica

ph.  Sara Angiolino

Perugia in rimonta sui campioni di Civitanova, si è aggiudicata ieri la finale di Coppa Italia a Bari. E’ Roma ad alzare la coppa battendo Bergamo con Padura come grande protagonista.

CUCINE LUBE CIVITANOVA – SIR SAFETY PERUGIA 1-3 (25-16, 22-25, 20-25, 25-27)

Medei schiera la diagonale Christenson-Sokolov, gli schiacciatori Juantorena e Sander, Cester e Castellao al centro, Grebennikov libero.

Bernardi risponde con De Cecco e Atanasijevic in diagonale, gli attaccanti Zaytsev e Russell, i centrali Podrascanin e Anzani, Colaci libero.

Primo set.

Muro di Sander su Atanasijevic per il primo vantaggioo a favore della Lube (3-1). Ci pensa lo stesso Atanasijevic a ritrovare la parità (3-3) e con l’attacco di seconda linea a trovare il primo vantaggio perugino (4-5). Lube nuovamente in vantaggio con il muro di Cester (7-6) e qui più niente da fare per Perugia: i campioni in carica allungano le distanze con ben 6 punti di fila!!! Perugia prova a recuperare un po’ di terreno ma sono i ragazzi di Medei a dominare in questo set. L’errore di Russel segna l’1-0 a favore di Civitanova (25-16).

Secondo set.

Sokolov, praticamente ovunque in avvio di secondo set, porta la sua squadra in vantaggio (7-5), dopo un inizio equilibrato. Gli errori al servizio però regalano punti ai ragazzi di Bernardi che raggiungono il primo break in questo set con la pipe di Russel (13-15). Arriva l’errore dai nove metri anche per lo Zar (15-16) e si gioca palla su palla. La competizione si sente e scatta il cartellino rosso per Sokolov e Atanasijevic che discutono sottorete. Lube più nervosa, l’ace di Della Lunga firma il 19-23. Primo tempo di Podrascanin per l’1-1 (22-25).

Terzo set.

Si riparte giocando punto su punto, arrivano i muri di Podrascanin e Russell a portare Perugia al primo vantaggio di questo set (7-10). Ace di Christenson avvicina la Lube (9-11), ma non è sufficiente. La Sir mantiene il suo vantaggio e spinge in finale di set: muro di Zaytsev per il 20-25. Perugia si avvicina alla Coppa!!

Quarto set.

Civitanova prova a cambiare le carte: entrano Kovar e Stankovic al posto di Sander e Candellaro. Di nuovo Perugia che prende le distanze con l’ace di Anzani (3-5), risponde Civitanova con l’ace di Kovar per il pareggio (10-10). Le squadre giocano in perfetta parità. Sokolov a segno per il 21-19, ma di nuovo Anzani a muro porta Perugia al match point (23-24). L’errore di Atanasijevic per i vantaggi, ma ripara andando a segno (25-27). Inutili le proteste di Civitanova su palla recuperata da terra da Grebennikov solo a metà: PERUGIA VINCE LA COPPA ITALIA  PER 3 A 1! 

ph. Sara Angiolino
ph. Sara Angiolino

 

CERAMICA SCARABEO GCF ROMA – CALONI AGNELLI BERGAMO 3-1 (23-25, 25-20, 25-23, 25-22)

Iniziale equilibrio che viene interrorro dall’ace di Hoogendorn (4-7). Doppio muro vincente di Roma porta la parità tra le due squadre. Ace di Dolfo per un altro vantaggio di Bergamo (13-15), ma l’errore di Cargioli riporta un’altra parità tra le squadre (19-19). Altro ace di Hoogendorn ed è set point per Bergamo (21-24). Chiude Dolfo 23-25.

Le squadre lottano su ogni punto, con continui cambipalla. Prende le distanze sul finale di set Roma che con l’ace di Snippe trova l’1-1 (25-20).

Di nuovo Roma si porta avanti (7-5), con Padura come protagonista. Bergamo si riavvicina (14-14), ma per poco. Di nuovo Padura a muro prende il largo (19-14). Da grande protagonista di questa finale, è sempre lui a chiudere il set con l’ace che vale il 2-1 (25-23).

Bergamo ancora ci crede e continua a giocare su ogni pallone. Deve però fare i conti con Padura che è inarrestabile: mani out su muro a tre (12-10), a segno per il +5 (19-14). Bergamo si riavvicina ma regala due palle out a Roma che si aggiudica la finale! 30 punti per Padura Diaz in questa partita.

ph. www.juniorvolley.com
ph. www.juniorvolley.com

 

di Fiorensa Kazazi

Related posts

Leave a Comment