#DELMONTECOPPA: Perugia si aggiudica la Coppa Italia contro i campioni in carica

Perugia in rimonta sui campioni di Civitanova, si è aggiudicata ieri la finale di Coppa Italia a Bari. E’ Roma ad alzare la coppa battendo Bergamo con Padura come grande protagonista.

CUCINE LUBE CIVITANOVA – SIR SAFETY PERUGIA 1-3 (25-16, 22-25, 20-25, 25-27)

Medei schiera la diagonale Christenson-Sokolov, gli schiacciatori Juantorena e Sander, Cester e Castellao al centro, Grebennikov libero.

Bernardi risponde con De Cecco e Atanasijevic in diagonale, gli attaccanti Zaytsev e Russell, i centrali Podrascanin e Anzani, Colaci libero.

Primo set.

Muro di Sander su Atanasijevic per il primo vantaggioo a favore della Lube (3-1). Ci pensa lo stesso Atanasijevic a ritrovare la parità (3-3) e con l’attacco di seconda linea a trovare il primo vantaggio perugino (4-5). Lube nuovamente in vantaggio con il muro di Cester (7-6) e qui più niente da fare per Perugia: i campioni in carica allungano le distanze con ben 6 punti di fila!!! Perugia prova a recuperare un po’ di terreno ma sono i ragazzi di Medei a dominare in questo set. L’errore di Russel segna l’1-0 a favore di Civitanova (25-16).

Secondo set.

Sokolov, praticamente ovunque in avvio di secondo set, porta la sua squadra in vantaggio (7-5), dopo un inizio equilibrato. Gli errori al servizio però regalano punti ai ragazzi di Bernardi che raggiungono il primo break in questo set con la pipe di Russel (13-15). Arriva l’errore dai nove metri anche per lo Zar (15-16) e si gioca palla su palla. La competizione si sente e scatta il cartellino rosso per Sokolov e Atanasijevic che discutono sottorete. Lube più nervosa, l’ace di Della Lunga firma il 19-23. Primo tempo di Podrascanin per l’1-1 (22-25).

Terzo set.

Si riparte giocando punto su punto, arrivano i muri di Podrascanin e Russell a portare Perugia al primo vantaggio di questo set (7-10). Ace di Christenson avvicina la Lube (9-11), ma non è sufficiente. La Sir mantiene il suo vantaggio e spinge in finale di set: muro di Zaytsev per il 20-25. Perugia si avvicina alla Coppa!!

Quarto set.

Civitanova prova a cambiare le carte: entrano Kovar e Stankovic al posto di Sander e Candellaro. Di nuovo Perugia che prende le distanze con l’ace di Anzani (3-5), risponde Civitanova con l’ace di Kovar per il pareggio (10-10). Le squadre giocano in perfetta parità. Sokolov a segno per il 21-19, ma di nuovo Anzani a muro porta Perugia al match point (23-24). L’errore di Atanasijevic per i vantaggi, ma ripara andando a segno (25-27). Inutili le proteste di Civitanova su palla recuperata da terra da Grebennikov solo a metà: PERUGIA VINCE LA COPPA ITALIA  PER 3 A 1! 

ph. Sara Angiolino
ph. Sara Angiolino

 

CERAMICA SCARABEO GCF ROMA – CALONI AGNELLI BERGAMO 3-1 (23-25, 25-20, 25-23, 25-22)

Iniziale equilibrio che viene interrorro dall’ace di Hoogendorn (4-7). Doppio muro vincente di Roma porta la parità tra le due squadre. Ace di Dolfo per un altro vantaggio di Bergamo (13-15), ma l’errore di Cargioli riporta un’altra parità tra le squadre (19-19). Altro ace di Hoogendorn ed è set point per Bergamo (21-24). Chiude Dolfo 23-25.

Le squadre lottano su ogni punto, con continui cambipalla. Prende le distanze sul finale di set Roma che con l’ace di Snippe trova l’1-1 (25-20).

Di nuovo Roma si porta avanti (7-5), con Padura come protagonista. Bergamo si riavvicina (14-14), ma per poco. Di nuovo Padura a muro prende il largo (19-14). Da grande protagonista di questa finale, è sempre lui a chiudere il set con l’ace che vale il 2-1 (25-23).

Bergamo ancora ci crede e continua a giocare su ogni pallone. Deve però fare i conti con Padura che è inarrestabile: mani out su muro a tre (12-10), a segno per il +5 (19-14). Bergamo si riavvicina ma regala due palle out a Roma che si aggiudica la finale! 30 punti per Padura Diaz in questa partita.

ph. www.juniorvolley.com
ph. www.juniorvolley.com

 

di Fiorensa Kazazi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto