#SERIEA1F: BERGAMO, VITTORIA PER LA SALVEZZA. SCANDICCI E UYBA RINCORRONO, PESARO SENZA PROBLEMI.

di Giorgio Cipolletta.

Torniamo a parlare della #SERIEA1F. Nell’anticipo del sabato la UYBA batte Modena e blinda il quarto posto dietro ad una Scandicci ritrovata che vince nello scontro casalingo contro Monza. Bergamo raggiunge per la prima volta in stagione la zona salvezza, vincendo di misura nel campo di Casalmaggiore che resta nei piani bassi. Le due marchigiane invece attraversano momenti di forma completamente opposti con Pesaro che spinge Legnano nella zona calda della classifica mentre Filottrano, ultima cade con onore sul campo della capolista Conegliano. Ad inseguire le venete c’è sempre la formazione campione d’Italia Novara che si sbarazza di Firenze.

PHOTOGALLERY ≥ Con i nostri fotografi eravamo nei campi di Busto Arsizio e Novara,

correte nella nostra pagina FB  per le gallery… 

Se il riassunto non vi ha soddisfatti, ecco le cronache dei match:

UNET E-WORK BUSTO ARSIZIO – LIU-JO NORDMECCANICA MODENA 3-1 (25-18, 23-25, 25-18, 25-20)

E se Berti si fa male, Busto continua a martellare e inserisce Botezat (poi MVP). Sembra tutta una rima o forse una sinfonia per una formazione lombarda che ritrova serenità dopo la incredibile (in negativo) sconfitta in terra marchigiana contro Filottrano. Dall’altra parte della rete, Modena non è poi così determinata a vincere il match e sfutta solo l’errore delle farfalle nel secondo set quando Barun approfitta e chiude il set per le emiliane. Per il resto le padrone di casa guidate dalle solite tre in attacco (Diouf, 20; Gennari 15; Bartsch,13) chiudono il match e per una notte scavalcano Scandicci al terzo posto, già ‘per una notte’ perchè il successo netto delle toscane relegano le bustocche al quarto posto ma tutto è ancora da giocare. Modena invece, spera in un cambiamento divino (che sia come lo scorso anno? Finale scudetto senza pronostico a favore).

Elisa Calabrese
Elisa Calabrese

IGOR GORGONZOLA NOVARA – IL BISONTE FIRENZE 3-0 (25-19 25-16 25-22)

A Novara va in scena una partita a senso unico a causa della incredibile forza fisica del duo Enright- Egonu (30 punti insieme). Le scudettate guidano il match con autorità e piegano senza troppo impegno le ragazze del neo allenatore Giovanni Caprara, unica vera novità per una squadra che nelle scorse partite ha fatto soffrire l’attuale capolista Conegliano, mentre nel turno odierno è sembrata impacciata e poco lucida nonostante gli 11 punti di Sorokaite. Novara continua a inseguire la capolista mentre Firenze continua ad essere una squadra enigmatica.

Letizia Valle
Letizia Valle

MYCICERO PESARO – SAB GRIMA LEGNANO 3-0 (25-15 25-21 25-13)

Alzi la mano chi avrebbe scommesso un euro sulla formazione marchigiana, e invece Pesaro si trova a lottare per le zone che contano, con qualche recriminazione per punti malamente persi per strada con formazioni alla portata. Contro Legnano Van Hecke (12 punti) e Bokan (17 punti) annientano le ospiti, arrivate nelle Marche stremate e con poche idee di gioco. Unico vero acuto per le ospiti, il parziale di (5-2) siglato Coneo nel secondo set, ma non basta per spezzare il ritmo che il mare porta alla formazione casalinga.                                    Legnano viene risucchiata nel vortice della retrocessione mentre Pesaro lotta per un piazzamento che potrebbe rivelarsi molto alto.

Letizia Valle
Letizia Valle

POMI’ CASALMAGGIORE – FOPPAPEDRETTI BERGAMO 2-3  (25-19 19-25 19-25 25-22 10-15) 

Per mesi ci siamo domandati quale fosse la vera delusione del campionato, e una risposta, forse, questo match avrebbe dovuto darcela.   La partita è un tipico riassunto delle due squadre con Casalmaggiore che sembra avere tutto per dominare ma Bergamo prova il sorpasso e di nuovo le casalasche devono inseguire. Alla fine a vincere è la Bergamo dalla grandiosa storia che agguanta la zona classifica e tiene Casalmaggiore vicina, forse lei vero disastro stagionale. Per Casalmaggiore non basta una solita monumentale Stevanovic (16 punti), Bergamo invece tiene campo con la prova mostruosa di Acosta (27 punti). Se questo l’anno scorso era uno scontro che avrebbe dato chiarezza su chi fosse una pretendente al titolo, ora è una guerra aperta verso la conquista di una dignità.

Andrea Pincelli
Andrea Pincelli

IMOCO VOLLEY CONEGLIANO – LARDINI FILOTTRANO 3-0 (25-19 25-19 28-26) 

Forse, è così da due anni (forse tre), Conegliano è la regina indiscussa del mondo femminile anche se, proprio sul più bello arriva qualcuno a levargli il trono da sotto il naso. Stavolta la marcia è spedita anche contro la sfortuna (Megan Easy fuori, in questo turno arriva la Lee, sua erede), stavolta la macchina schiacciasassi è il fanalino di coda Filottrano (2 vittorie in stagione) che per due set non è in campo, poi nel terzo, gioca magistralmente con Mitchem (20 punti) e si ritrova 12-17. Il vantaggio viene però perso per strada, ha una palla set ma Conegliano porta tutto ai vantaggi e vince. Per le ultime della serie che sia una ulteriore prova di speranza? O che sia una definitiva prova che il lavoro non sempre ripaga.

Fonte: ANCONATODAY
Fonte: ANCONATODAY

SAVINO DEL BENE SCANDICCI – SAUGELLA TEAM MONZA 3-1 (16-25 25-21 25-23 25-20)

Scandicci mostra tutta la grinta e la cattiveria agonistica che possiede. Dopo un primo set disastroso per colpa delle avversarie inarrestabili, Ortolani e Havelkova, riprende la marcia e fa suo il secondo set. La vera svolta del match o forse della stagione arriva nel terzo set quando Monza conduce (21-23 firmato Begic) ma Havelkova spinge le sue e piazza un break decisivo (4-0) che tiene le fiorentine avanti con sospiro. Quarto set con Monza che spinge sull’accelleratore ma stavolta, non ha la fortuna dalla sua parte e Scandicci con De La Cruz vince un match che profumava di disfatta (vedi Coppa Italia, Scandicci a casa, Monza a Bologna).

Fonte: MONZATODAY
Fonte: MONZATODAY

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto