SUPERLEGA: MODENA SI FA LARGO A PERUGIA, RAVENNA CADE IN CASA DI MONZA. VINCONO TRENTO, VERONA, MILANO, PADOVA E CIVITANOVA

Dodicesima giornata di SuperLega.
Risultati interessanti sono usciti dal cilindro: nel big match fra Perugia e Modena, proprio quest’ultima ha vinto nella “mai doma” casa dei Block Devils. Trento ha vinto a Sora, Verona ha vinto contro Vibo, Milano ha fatto la voce grossa con Castellana. Padova ha battuto Latina, Ravenna è caduta in casa di Monza.
Se volete rinfrescare la memoria su quello che è successo nella undicesima giornata, trovate il recap QUA.

Civitanova e Piacenza hanno già disputato questo turno, con il risultato di 3-2 per i marchigiani. Questo anticipo è stato giocato perchè la Lube ha partecipato al Mondiale per Club proprio questa settimana, classificandosi seconda dopo un impeccabile Zenit Kazan.
Se volete rivivere l’anticipo, trovate il riassunto QUA.

BIOSì INDEXA SORA – DIATEC TRENTINO 1-3 (13-25, 19-25, 25-18, 22-25)

PH: Trentino Volley
PH: Trentino Volley

La Diatec Trentino porta a casa la quinta vittoria consecutiva e tre punti tondi nell’anticipo del dodicesimo turno.
A casa della Biosì, abbiamo visto una Trento convincente. Ad eccezione del terzo parziale, la formazione di Lorenzetti ha infatti sempre condotto nel punteggio.
Trento ha giocando una pallavolo di alto livello nei primi due set a muro (14 vincenti) e in battuta, contenendo poi il tentativo dei padroni di casa di andare al tie break.

Ottima prestazione degli attaccanti di palla alta di Trento, che hanno saputo gestire bene tutti i fondamentali: 48 punti in totale per Kovacevic, Hoag e Vettori.
Sora si è affidata principalmente a Petkovic (best scorer con 22 punti) e alla regia di Marrazzo, che ha saputo esprimere un gioco fantasioso e a tratti efficace.

CALZEDONIA VERONA – TONNO CALLIPO CALABRIA VIBO VALENTIA 3-0 (25-19, 25-21, 25-22)

PH: Daily Volley
PH: Daily Volley

Ennesima buona gara di Verona, che con questa vittoria si conferma al quarto posto in classifica.

Primo set in cui i padroni di casa partono subito forte, guadagnando un discreto margine fin dai primi scambi. Vibo è costretta a due time out ravvicinati, che però non portano effetti. Il gioco di Verona è fluido ed efficace, mentre Vibo è molto fallosa in attacco e al servizio (con diverse pestate in battuta non viste dall’arbitro). Poco dopo la metà del set gli ospiti cambiano praticamente tutti i giocatori, per far rifiatare i titolari. Verona continua a giocare come prima e porta a casa il set 25-19.

Secondo set decisamente più combattuto, con Vibo che mette anche la testa avanti per alcuni tratti. Gli ospiti migliorano la fase di muro e difesa, riuscendo a portare a casa anche degli scambi molto lunghi. Si rimane in equilibrio fino a poco prima del 20, quando sale in cattedra Mengozzi: tra muri e attacchi il centrale gialloblu (MVP della gara) mette a segno 3 punti di fila in un momento importante del set. A questo punto Vibo non riesce a reagire come aveva fatto in precedenza nel set, permettendo a Verona di vincere il parziale 25-21. Da segnalare anche l’arbitro che finalmente fischia un fallo al servizio agli ospiti, tra gli applausi ironici del Forum.

Terzo set molto simile al precedente, combattuto e piacevole da vedere. Vibo è in partita nonostante il doppio svantaggio e gioca con lucidità. Un esempio è un’azione lunga vinta dagli ospiti dopo aver subito (e coperto) quattro muri nella stessa azione. Dopo lo spezzone della scorsa giornata si rivede in campo anche Djuric, acclamato dai tifosi di casa. Il forum esplode alla prima palla toccata dall’opposto gialloblu, subito trasformata in punto. Il finale è molto combattuto: entra di nuovo Stern per Djuric, che però subisce due muri. Verona non si perde d’animo e con delle buone difese riesce a mettere a segno dei break decisivi. Il set si conclude 25-22 tra gli applausi dei tifosi.

Buona prestazione di Verona che, complice la sconfitta di Ravenna, consolida il quarto posto ad una partita dalla fine del girone di andata.

REVIVRE MILANO – BCC CASTELLANA GROTTE 3-0 (26-16, 25-20, 25-13)

PH: Alessia Crespi
PH: Alessia Crespi

Milano batte in modo secco Castellana in un match dominato dal primo all’ultimo scambio. Milano cercava il riscatto dopo la prestazione contro Verona.
È stata una prestazione corale convincente ma è emerso uno Schott scatenato, eletto poi MVP del match.
Daldello ha gestito bene i suoi attaccanti ed i centrali hanno lavorato bene a muro.

Abdel-Aziz ancora una volta è il miglior realizzatore 20 punti, seguito dai 9 di Klinkenberg.

PRIMO SET I servizi di Daldello e Schott mettono in crisi la ricezione pugliese (5-1). Piano scatenato a muro e trova poi l’ace del +7 (13-6), Castellana si riavvicina però con un break di 0-4 sul turno al servizio di Garnica (13-10). Castellana torna a commettere imprecisioni, Schott trova l’ace e Milano torna a +6 (18-12).
Secondo ace per Nimir (21-14), Milano chiude con due contrattacchi vincenti di Schott.

SECONDO SET Dentro Klinkenberg per Cebulj per un fastidio al ginocchio. Primo vantaggio del match per Castellana con l’ace di Garnica (6-7). Dentro Ferraro per Costa per Castellana (9-9).
Continui sorpassi tra le due squadre ma Milano si porta avanti con il servizio di Averill e gli attacchi di Klinkenberg (14-12). Klinkenber e Abdel-Aziz allungano il divario (18-14).
Milano va sul +6 ma Castellana non molla e prova a rientrare (22-19). Milano tiene il vantaggio e chiude con Schott.

TERZO SET Due ace di Abdel-Aziz costringono Lorizio al time out (6-3). Muro di Piano su Tzioumakas e Milano dilaga (10-4).
Nimir picchia in contrattacco, Galassi ferma Tzioumakas sul 18-7.
Il muro di Milano fa male con Klinkenberg e Abdel-Aziz che fermano i pugliesi (22-9). Preti entra dalla panchina e porta Milano al primo match point (24-13). Chiude poi il match Nimir con Milano a +12.

KIOENE PADOVA – TAIWAN EXCELLENCE LATINA 3-0 (25-20, 25-23, 25-23)

PH: Pallavolo Padova
PH: Pallavolo Padova

Padova raccoglie bottino pieno contro Latina.
Una sfida combattuta soprattutto negli ultimi due set, in cui a fare la differenza sono stati il servizio e il centrale Polo, realizzatore di 12 punti.

Latina ha giocato a fasi alterne, con Starovic e Maruotti sottotono e Maruotti.

La gara inizia con un po’ di preoccupazione sul 2-3 quando Savani lamenta un dolore alla spalla destra. Nonostante questo prosegue la sua permanenza in campo. Padova picchia al servizio con Nelli ribaltando la situazione (5-3). In attacco, i padroni di casa sbagliano tanto.
Di seguito si crea un testa a testa intenso che prosegue fino al 21-18, quando i servizi di Cirovic portano in vantaggio Padova. Il finale è firmato Nelli, che spinge al servizio, mettendo in grossa difficoltà gli ospiti.

Grazie ai centrali patavini, la Kioene va subito sul 4-0, ma gli ospiti riescono a trovare la parità (8-8). Il sorpasso arriva con l’ace di Starovic sul 13-14 e ne deriva un testa a testa intenso. Sul 23 pari, il servizio out di Savani e il muro di Polo chiudono 25-23.

Nel terzo parziale, i veneti perdono subito terreno e Latina avanza 1-5. I muri di Travica e qualche imprecisione per gli ospiti consentono alla Kioene di portarsi in parità. Ishikawa sostituisce Savani ma Padova continua a fare il proprio gioco. Sul 24-22 Travica prende un colpo al volto, facendo preoccupare tutti. Alla ripresa del gioco, Cirovic chiude set e match.

GI GROUP TEAM MONZA – BUNGE RAVENNA 3-1 (20-25, 25-19, 25-18, 25-21)

PH: VeroVolley OfficialPage
PH: VeroVolley OfficialPage

Monza fa gioire il pubblico della Candy Arena ai danni di un’ottima Bunge Ravenna. Sono i ragazzi di Falasca a far loro tre punti importantissimi per classifica e morale.

Monza a trazione Plotnytskyi, devastante anche se entrato in corsa e capace di firmare 22 punti.
Quello che ha fatto la differenza per Monza sono stati i muri (12) con Beretta a fare buona guardia per i suoi.
La squadra di Soli ha provato a tenere il passo dei brianzoli con Buchegger e Poglajen in attacco e Georgiev e Diamantini a muro. Ma non è bastato.

Monza finora ha sempre dato il meglio davanti al suo pubblico e anche ieri l’ha dimostrato rimontando dopo aver perso il primo parziale. I padroni di casa sono cresciuti sia in attacco che in battuta durante il corso della partita, mettendo in difficoltà i ricevitori ospiti.

SIR SAFETY CONAD PERUGIA – AZIMUT MODENA 0-3 (22-25, 23-25, 21-25)

PH: Daily Volley
PH: Daily Volley

Se lo prende Modena il big match di giornata con Perugia.
In un Pala Evangelisti stracolmo Bruno e compagni s’impongono con un 3-0 senza repliche.

Il match inizia e Modena va sul 4-2 dopo un grande salvataggio di Ngapeth. L’ace di Holt fa scappare l’Azimut 11-6. Perugia rialza la testa ma Modena non molla, andando sul 15-11. Sul 16-17 la Sir sorpassa. La squadra di RadoStoytchev resta ancorata al match e controsorpassa, portandosi al set point, chiudendolo subito dopo.
Nel secondo parziale la Sir si porta sul 2-6. Parziale equilibratissimo di altissimo livello. Continua il punto a punto e continuano le azioni spettacolari da entrambe le parti. Sul 15-17 Perugia fa un break ma è subito raggiunta da Modena. Gli stessi ospiti si portano sul 22-20. Ngapeth chiude poi il set 25-23 con una super diagonale.
Modena cerca di accorciare il match e si porta sul 6-4. La Sir non molla, tenendo duro e cercando di arginare Modena che dilaga a +6. Ngapeth e Sabbi sono sugli scudi e portano la squadra sul 23-18 con De Cecco e compagni ad inseguire.
Dopo una durissima battaglia e tanto spettacolo, Modena porta a casa tre punti sul difficile terreno perugino, fermando la striscia positiva casalinga della Sir.

 

CLASSIFICA

Cucine Lube Civitanova 31
Sir Safety Conad Perugia 30
Azimut Modena 30
Calzedonia Verona  24
Kioene Padova 20
Bunge Ravenna 20
WIXO LPR Piacenza 19
Diatec Trentino                           19
Revivre Milano                       18
Gi Group Team Monza  12
Taiwan Excellence Latina 12
Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia 9
BCC Castellana Grotte * 5
Biosì Indexa Sora 3

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto