RECAP SUPERLEGA : NONA GIORNATA SCOPPIETTANTE PER CIVITANOVA, TRENTO E LATINA. PERUGIA E RAVENNA PERDONO.

COPERTINA SUPERLEGA

Nona giornata di Superlega e ci sono state molte cose degne di nota.

All’interno del nono turno, Modena vince a Vibo, Perugia subisce la prima sconfitta della stagione a casa di Civitanova. Verona combatte e vince contro Monza, Ravenna interrompe la propria striscia positiva a domicilio di Latina. Milano batte Sora e Trento asfalta Piacenza.

Ne volete sapere di più? Allora continuate a leggere! Inoltre, trovate il recap della scorsa giornata QUI.

TONNO CALLIPO VIBO VALENTIA – AZIMUT MODENA 0-3 (21-25, 23-25, 22-25)

PH: Modena Volley
PH: Modena Volley

Nell’anticipo televisivo, l’Azimut Modena espugna il PalaValentia.

Una Modena solida e concreta trascinata da Van Garderen e Ngapeth e Holt e Mazzone.

Vibo ha lottato ad armi pari soprattutto nel corso del secondo e terzo parziale, andando sul punto a punto.

Modena parte bene nel primo set e a fare la differenza fra le due compagini sono la grande solidità degli ospiti e le prestazioni in attacco delle bande.

Nel secondo set, Holt e compagni tengono sempre un break di vantaggio sugli avversari che sembrano tentano di stare in partita. Nonostante un ottimo Patch, le bande non rispondono bene e Modena si prende anche i secondo set.

Terzo parziale ssssspumeggiante da entrambe le parti del campo: grandi scambi, recuperi fantastici e una pallavolo ottima vengono messi in campo. Antonov, non particolarmente brillante nel terzo set, trova un buon ritmo. Però tutti gli sforzi della Tonno Callipo vengono vanificati da uno stratosferico Ngapeth che porta i suoi alla vittoria finale.

 

CUCINE LUBE CIVITANOVA – SIR SAFETY CONAD PERUGIA 3-0 (28-26, 25-15, 25-21)

PH: Lube Volley
PH: Lube Volley

Settima vittoria di fila per la Cucine Lube Civitanova che asfalta una Perugia fino ad ora mai doma. Questo è stato il big match della giornata.

Primo set: si inizia subito in pompa magna, con i nervi a fior di pelle e la tensione alle stelle. I padroni di casa tengono la testa avanti davanti e mettendo a referto un break con un ace di Christenson e un attacco out di Atanasijevic. La Lube sembra avere il set in tasca, ma Perugia torna alla ribalta, risalendo fino al 22-23. Gli ospiti annullano il secondo set ball ai campioni d’Italia, grazie ad un muro vincente dell’ex Podrascanin (24-24). In dirittura d’arrivo, Juantorena si carica la squadra in spalle e la porta alla vittoria del primo parziale.

Secondo set: la Lube dilaga fin dall’inizio trascinata ancora una volta dal Juantorena, aiutata anche dagli errori di Zaytsev e compagni. Perugia sembra quasi spenta, remissiva contro una Lube in formato 4X4. Christenson decide di aggiungere punti al suo personale tabellino sul 15-7 con una palla di seconda intenzione a luci rosse e l’ace del 17-8. Il set finirà con un disarmante +10 per i marchigiani.

Terzo set: torna l’equilibrio in campo, soprattutto all’inizio del parziale. I padroni di casa tentano sempre di strappare un break per tirare il fiato e riescono a farlo sul 21-18. Seguono poi un ace di Juantorena su Zaytsev, l’errore in attacco di Anzani e il sontuoso contrattacco di Sokolov, che mette a terra la palla dopo un fantastico scambio. Chiude il match Sander, Mvp della sfida.

 

CALZEDONIA VERONA – GI GROUP TEAM MONZA 3-1 (25-23, 25-17, 19-25, 25-21)

PH: BluVolley Verona
PH: BluVolley Verona

Verona infila la quarta vittoria di seguito. Una vittoria importante e la prima da tre punti davanti al proprio pubblico.

Primo set: Monza fa il primo break utilizzando il nervosismo di Verona, che riesce però a rimanere in scia e pareggiare i conti con Marretta sul 14-14. I padroni di casa sorpassano grazie anche a tre errori diretti degli avversari. Ma Monza si fa di nuovo sotto con Hirsch. Lo strappo finale è dato dall’ace di Pajenk e dal muro conclusivo di Manavi.

Secondo set: Manavi viene confermato su Maar. Verona parte forte con Pajenk a muro e Spirito in battuta (5-1). La formazione di casa accelera con Birarelli dai 9 metri (14-6), ma Monza si fa sentire grazie ai centrali (18-12). La Calzedonia, però, continua a veleggiare e chiude il set.

Terzo set: Monza fa subito un break dai 9 metri Dzavoronok (5-8). Monza sfrutta a proprio favore un momento no di Birarelli e compagni portandosi sul 10-15, ma Verona ritorna grazie a Spirito e a delle difese impressionanti. Monza continua a dire la sua a muro e si porta avanti, chiudendo poi il set.

Quarto set: una Verona rinvigorita esce nell’ultimo parziale e, trascinata da Marretta, piazza fin da subito un break. Monza risponde con Hirsch, ma i gialloblù ribattono e si portano sul 15-10. La Gi Group accorcia le distanze dai 9 metri con Plotnytskyi, ma Verona riesce a farsi largo e si porta sul 22-18. Un muro di Manavi e l’errore in battuta di Monza chiudono la gara in favore di Verona (25-21).

 

TAIWAN EXCELLENCE LATINA – BUNGE RAVENNA 3-0 (25-19, 25-22, 25-19)

PH: TopVolley Latina / Paola Libralato
PH: TopVolley Latina / Paola Libralato

Latina supera in tre set Ravenna, chiudendo la striscia positiva dei romagnoli e regalandosi una grandissima gioia dopo il tie-break perso a Trento.

Primo set: s’inizia in equilibrio con la Taiwan Excellence avanti e la Bunge che insegue, due ace di Savani e Le Goff per l’allungo sul 14-10. Rossi firma il 17-12 e nel finale l’ace di Starovic e i muri di Sottile e Savani chiudono 25-19.

Secondo set: ancora equilibrio ad inizio set con Soli che inserisce Diamantini. Ravenna prova ad allungare con Buchegger ma un muro di Starovic riporta la parità 11-11. Raffaelli s’impone a muro sul 15-17, ma Starovic e Rossi s’impongono per il 21-18. Lo stesso Starovic chiude il parziale 25-22.

Terzo set: Soli conferma Diamantini. Ancora una volta, Latina si porta subito avanti con Maruotti e Starovic, che continua a martellare e murare fino al 13-8; Latina tenta l’allungo e lo trova, portandosi a +7. Starovic chiude poi la partita sul 25-19.

REVIVRE MILANO – BIOSì INDEXA SORA 3-0 (25-21, 25-19, 25-20)

PH: Revivre Milano
PH: Revivre Milano

Milano concede poco a Sora. È il quarto successo per la Revivre che incorona ancora una volta Abdel-Aziz MVP.

Primo set: Averill firma il primo break della gara, seguito poi dal muro di Piano su Mattei e l’ace di Nimir (7-3). Con Nielsen e Seganov, Sora torna pari a 11, trovando il sorpasso sul turno al servizio di Petkovic (11-12). Milano torna avanti grazie a Cebulj dai 9 metri e gli attacchi di Nimir. La Revivre gioca tranquilla e aumenta il proprio vantaggio, chiudendo poi il set.

Secondo set: partenza supersonica per la Revivre con due ace di Schott e il conseguente time out chiest da Barbiero. Milano continua a spingere in battuta: Nimir e Cebulj portano avanti la propria squadra di +8. Sora però si riavvicina grazie al servizio di Seganov. Nimir riporta a +6 Milano, concludendo poi il set con un ace di Schott.

Terzo set: grazie al turno al servizio di Daldello, la Revivre si porta sul +4. Milano continua a macinare con Cebulj e le difese di Piccinelli, andando sul 16-10. Giani inserisce Galassi per Averill e Perez per Daldello. Nonostante i tentativi di Sora con Petkovic, Milano continua a marciare e chiude set e match.

 

WIXO LPR PIACENZA – DIATEC TRENTINO 0-3 (10-25, 21-25, 20-25)

PH: Trentino Volley s.r.l
PH: Trentino Volley s.r.l

Trento conferma stasera l’inversione di marcia rispetto a tutto quello che ci ha mostrato fino ad ora. Questo processo si era già fatto intravedere giovedì scorso in casa con Latina.
Lanza e compagni si sono mostrati determinati e compatti, sfruttando il servizio e l’attacco per offendere gli avversari.

Piacenza, da parte sua, dopo un primo set disastroso, ha cercato di prendere le misure ad una Trento ricompattata, cercando di tornare in partita con scarsi risultati.

Grande prestazione per Hoag, Giannelli e Lanza, che hanno saputo dare stabilità alla squadra. Ma anche il resto della squadra si è mossa bene, facendo pochi errori e dimostrandosi determinata.

Quindi sono stati pochi i punti di riferimento attendibili per Piacenza, che non ha potuto fare molto, legando le mani a Baranowicz nelle scelte di gioco.

CLASSIFICA

Cucine Lube Civitanova 26
Sir Safety Conad Perugia 24
Azimut Modena 23
Bunge Ravenna  17
Calzedonia Verona 15
Wixo LPR Piacenza 13
Kioene Padova 13
Revivre Milano                           12
Diatec Trentino                       12
Taiwan Excellence Latina  12
Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia 8
Gi Group Monza 6
BCC Castellana Grotte * 4
Biosì Indexa Sora 1

Related posts

Leave a Comment