#SERIEA1F: NOVARA DISTRUGGE SCANDICCI, CONEGLIANO LOTTA CON LA UYBA. RITORNA BERGAMO NELLA GIORNATA DEI TIE-BREAK

COPERTINA A1 FEMMINILE

di Giorgio Cipolletta.

Importantissimo turno infrasettimanale che vedeva opposte le prime quattro della classe. Incredibile colpaccio delle campionesse d’Italia Novara che distruggono Scandicci, scavalcandola in classifica e diventando la nuova capolista insieme alla corazzata Conegliano che esce con 2 punti d’oro dal difficile campo di Busto Arsizio, arrestando uno strepitoso periodo di forma delle bustocche. Torna alla vittoria davanti il suo pubblico una rigenerata Casalmaggiore che annichilisce un’avversaria nettamente inferiore come Filottrano. Modena riesce a spuntarla al tiebreak contro una agguerrita Legnano, così come Pesaro che continua a salire in classifica battendo Monza. Il turno odierno sorride a Bergamo che riesce a trovare la prima vittoria stagionale, cancellando quel parziale che non merita una società così blasonata.

POMI’ CASALMAGGIORE – LARDINI FILOTTRANO 3-0 (25-14, 25-15, 25-20)

Primo set: l’avvio è tutto è solo di Casalmaggiore (4-0) del time out ospite. Rondon realizza la fuga (14-6). Due aces di Guiggi allungano il distacco e chiude i conti una insolita Pavan.

Secondo set: il servizio di Stevanovic porta le casalasche sul (7-1). Rondon allunga e indirizza il set (17-7). Filottrano prova quantomeno a ridurre il gap (23-15) ma Guiggi chiude con un ace successivamente.

Terzo set: Filottrano parte con il piede giusto (1-4) ma Martinez e Pavan pareggiano e sorpassano (7-5). Le ospiti tornano sotto (9-10) ma la Pomì prova di nuovo a scappare (16-14). Starcevic sembra chiudere il match (20-15) ma Filottrano non molla e si spinge sino al (21-19) ma anulla servirà.

SAVINO DEL BENE SCANDICCI – IGOR GORGONZOLA NOVARA 0-3 (18-25, 25-27, 21-25)

Primo set: Azzurre subito avanti con Gibbemeyer (2-4) e un muro di Egonu (3-6) ma Haak e riduce il gap (6-8), Egonu e Gibbemeyer riportano le azzurre sul (10-12). Egonu fa scappare le tricolori (14-22), l’ultimo sussulto casalingo arriva con Adenizia (18-24) ma le toscane si devono arrendere.

Secondo set: Scandicci reagisce e scappa (7-3) con Haak, poi allunga con l’ace di De La Cruz (12-7), e le toscane si portano (17-8). Novara si aggrappa a Egonu ed Enright e con Gibbemeyer rientra clamorosamente (19-16) e Bonifacio firma il (21-21). Haak sbaglia ed è set ball Novara (23-24), Scandicci ne annulla ma deve cedere al maniout di Egonu.

Terzo set: Novara sembra scappare (2-5) con Piccinini ma Scandicci reagisce con Bosetti (9-6). Novara sorpassa poi con Plak che fa (10-13) ma le padrone di casa rientrano con la solita Haak (15-15) ma Scandicci inizia a pasticciare e un errore in attacco di De La Cruz chiude la partita.

Ph: Andrea Pincelli

UNET YAMAMAY BUSTO ARSIZIO – IMOCO CONEGLIANO 2-3 (24-26, 17-25, 25-23, 26-24, 11-15)

Primo set: Stufi e Orro lanciano la UYBA (4-2), ma De Kruijf pareggia (4-4); Il set viaggia sui binari della parità fino al 24-22 con Gennari ma De Kruijf e Wolosz annullano (24-24) e sorpassano incredibilmente con Hill.

Secondo set: Diouf e l’ace di Bartsch scuotono le farfalle (2-0), ma Fabris pareggia e sorpassa (4-6), L’Imoco è padrona del campo con Danesi e De Kruijf (8-14). Gennari cerca il recupero (13-19), ma è tardi e chiude Fabris un set mai in discussione.

Terzo set: Bartsch guida (9-7) ma Fabris pareggia e sorpassa (10-11). Diouf tiene incollate le farfalle (13-13) e le porta al set point (24-20), Conegliano annulla con Nicoletti e Hill (24-22) ma Gennari chiude.

Quarto set: l’avvio è veneto (1-9), poi le farfalle tornano (3-9) con Chausheva. Gennari sale in cattedra (14-17) e da speranza ma De Kruijf riallunga (15-19), poi Diouf pareggia(19-19). Decide il muro di una monumentale Gennari.

Quinto set: la UYBA parte bene con Diouf (3-1) e Stufi fa il cambio-campo (8-7). Danesi sorpassa (8-9) e Hill e Fabris effettuano l’allungo decisivo (11-13) e Cella chiude con il muro un match incredibile.

Fonte: IMOCO VOLLEY
Fonte: IMOCO VOLLEY

LIU-JO NORDMECCANICA MODENA – SAB GRIMA LEGNANO 3-2 (25-18, 19-25, 26-28, 25-20, 15-10)

Primo set: Bosetti trascina le modenesi (11-8). Barun allunga (13-10) poi le gialloblù prendono il sopravvento e chiudono il set in scioltezza.

Secondo set: (7-3) Modena grazie ai colpi di Heyrman e Montano. Incredibilmente c’è il pareggio ospite (10-10). Il momento è favorevole alle ospiti e allungano con Mingardi (14-18), Barun prova a riportare nel set le padrone di casa ma senza successo e lasciano vincere in scia le lombarde.

Terzo set: Legnano parte avanti con Newcombe e Mingardi (1-4), Degradi allunga (7-10) ma Barun ricuce lo strappo (10-11) e sorpassa. Bosetti allunga per le modenesi (16-14), Mingardi pareggia ma Barun continua a martellare, Calloni non molla con il muro del (21-19) e  Legnano sorpassa arrivando a palla set poi annullata, dopo una serie di contro-break ai vantaggi, chiude l’attacco di Degradi.

Quarto set: Modena e allora è subito (3-0), ma Legnano pareggia (7-7). Bosetti per il nuovo allungo (10-7), ma Mingardi accorcia nuovamente per il 12-11. Modena prova più volte a ritrovare il ritmo del primo set, ma Legnano non permette la fuga. Le lombarde dovranno successivamente arrendersi.

Quinto set: (6-2) con gli attacchi di Heyrman e Vesovic e successivamente Bosetti fa scappare Modena sul (13-7) e l’attacco di Barun che fissa il punteggio finale.

Ph: Andrea Pincelli

SAUGELLA TEAM MONZA – MYCICERO PESARO 2-3 (23-25, 19-25, 25-22, 25-22, 12-15)

Nonostante una grande rimonta, Monza non riesce a sconfiggere Pesaro. Le ospiti sono capaci nei primi due set di sfruttare gli errori delle brianzole ed è aiutata da Nizetich, Bokan e Van Hecke (23 punti). Le brianzole ribaltano la situazione con Ortolani e Orthamnn entrata al posto di Havelkova. Monza scappa nel tie-break ma poi si fa nuovamente sorprendere dall’attenta squadra ospite che chiude il match a suo favore e torna nelle Marche con 2 punti preziosi.

FOPPAPEDRETTI BERGAMO – IL BISONTE FIRENZE 3-2 (23-25, 27-25, 27-25, 19-25, 15-13)

Bergamo ritorna alla vittoria in una partita infinita grazie alle prestazioni di Popovic e Malagurski, batte Firenze in uno scontro salvezza che lascia l’amaro in bocca alle toscane che, però portano via un punto da un campo glorioso come quello orobico.

Fonte: VOLLEYBERGAMO
Fonte: VOLLEYBERGAMO

Related posts

Leave a Comment