#SERIEA2M GIRONE BLU: QUASI COLPACCIO DEL CLUB ITALIA A DISCAPITO DELLA CAPOLISTA TUSCANIA, SPOLETO TREMA MA LA SPUNTA A MONDOVI’, GIOIA DEL COLLE TRAVOLGE LAGONEGRO.

Vi basta sapere che si sono giocati quattro tiebreak su sei partite per convincervi a continuare a leggere l’articolo? 😀

SIECO SERVICE ORTONA 3-2 CENTRALE DEL LATTE MCDONALD’S BRESCIA (28-30, 25-13, 20-25, 25-16, 15-13)

Grande battaglia al PalaSport di Ortona domenica sera! La squadra di casa fa una partita di alti e bassi, i set che vince (tranne il tiebreak), li vince ampiamente. Ma di contro perde il primo set tiratissimo ed il terzo set. Proprio nel primo Ortona è avanti nel punteggio fino a metà set. Brescia però mette il turbo e passa avanti sul 19-21. Ortona non si arrende e porta il set ai vantaggi. Cosa fa vincere il set alla squadra ospite? 7 muri contro i 4 di Ortona, 1 ace contro 0 della squadra di casa, ed una ricezione migliore (50% con 41% perfetta contro il 42% di Ortona col 20% perfetta), che permette a Tiberti di orchestrare meglio il gioco.

Ph. LegaVolley
Ph. LegaVolley

Gli altri set sono vinti dalle squadre in maniere agevole, segno del fatto che la partita è molto equilibrata.
Il quinto set però non è semplice per nessuna delle due squadre in campo. Nonostante le 2 battute punto e 1 muro di Brescia, Ortona (con 0 ace e 3 muri) riesce a spuntarla con l’aiuto del pubblico, anche se la partita non è inclinata né da una parte né dall’altra fino alla fine. Top scorer del match Bencz Milan con 23 punti.

CLUB ITALIA CRAI ROMA 2-3 MAURY’S ITALIANA ASSICURAZIONI TUSCANIA (25-21, 22-25, 15-25, 25-23, 13-15)

Il Club Italia tenta il colpaccio in casa con l’attuale capolista, ma l’impresa non riuscita regala un punto prezioso alla giovanissima squadra romana e molta fiducia nei propri mezzi. La squadra di casa vince il primo, Tuscania vince il secondo ed i terzo e sembra poter chiudere la partita sul 1-3 col quarto set: il Club Italia è avanti 21-15 ma Tuscania inizia a recuperare e fa tremare la squadra di coach Cresta che riesce comunque a chiudere senza neanche andare ai vantaggi.

Ph. LegaVolley
Ph. LegaVolley

Nel quinto set Tuscania è sempre avanti, anche di due punti, ma il Club Italia resta in scia. I 4 muri messi a segno mettono in difficoltà Tuscania che nel set ne realizza solamente 1. L’esperienza conta in questo frangente, ed anche 1 errore in attacco della squadra romana aiuta Tuscania a vincere il tiebreak. Buonissima partita a muro e in battuta per il Club Italia: 7 ace e 12 muri (6 ace e 7 muri per Tuscania). Più precisa invece la squadra ospite in attacco e ricezione. Migliori realizzatori del match Mochalski Eric e Shavrak Dmitriy con 18 punti, segue Recine con 17.

PAG TAVIANO 3-2 MOSCA BRUNO BOLZANO (25-22, 20-25, 27-25, 26-28, 15-11)

Grande battaglia anche a Taviano, contro Bolzano che si arrende solo al quinto set. I set che sono più importanti e che decidono la partita finiscono ai vantaggi, offrendo al pubblico una partita spettacolare.
Il terzo set, quando la situazione parziali è di 1-1, vede partire avanti Taviano sull’8-4. E’ ancora avanti a metà set (16-11) e sembra poter chiudere agevolmente visto il vantaggio sul 21-17. Bolzano rimonta e mette pressione alla squadra di casa, e aggancia gli avversari sul 22 pari grazie ad un efficace contrattacco e un buon lavoro muro-difesa. Chiude il set  uno smash su ricezione lunga di Bolzano.

Ph. LegaVolley
Ph. LegaVolley

Nel quarto set Bolzano dopo esser stata sempre avanti di almeno un punto, riesce a staccarsi solo a fine set sul 18-21. Tra muri ed ace, la situazione è in parità sul 23-23. Chiudono alla fine due muri di Paoli, 26-28, dopo un fallo a rete costato a Bolzano la seconda palla set. Nel tiebreak però Bolzano spreca: avanti 2-5 si fa recuperare e perde lucidità. 10-8 e 12-9, la squadra ospite non riesce più a contrastare gli avversari lanciati verso la vittoria. Grandissima partita in battuta della squadra di casa, 13 ace contro 3 di Bolzano. La squadra ospite di contro fa una grande partita a muro: 16 muri contro gli 8 di Taviano. Top scorer del match Boswinkel Hidde con 29 punti.

CALONI AGNELLI BERGAMO 0-3 POOL LIBERTAS CANTU’ (19-25, 28-30, 23-25)

La Caloni perde dopo un anno l’imbattibilità in casa contro Cantù, nel derby lombardo. Bergamo non riesce ad esprimere il suo gioco se non a tratti, con bassissime percentuali in attacco (33%, 35% e 48%) e non troppo bene in ricezione. Fa la sua partita in battuta e muro, ma Cantù fa comunque meglio: per la Caloni 3 ace e 11 muri, per Cantù 5 ace e 10 muri. Gli ultimi due set sono combattuti, ma nel secondo Bergamo spreca il vantaggio guadagnato sul 21-18 e va a perdere il set ai vantaggi, sprecando 3 palle set.

Ph. LegaVolley
Ph. LegaVolley

Nel terzo la Caloni è sotto sin dall’inizio, pareggia i conti sul 16-16 ma è solo un attimo e Cantù passa di nuovo in vantaggio. Migliori realizzatori di un match che sa di amaro per la squadra di casa, di gioia per Cantù, Cominetti e Hoogendoorn con 16 punti.

VBC MONDOVI’ 2-3 MONINI SPOLETO (21-25, 25-23, 25-23, 23-25, 12-15)

Anche Mondovì prova a fare il colpaccio in casa con Spoleto, e non ci riesce per pochissimo: basta dire che il secondo, terzo e quarto set sono finiti quasi ai vantaggi. E’ una Mondovì che sembra anche poter chiudere la questione 3-1 vincendo il secondo ed il terzo set dopo esser stati anche sotto, e partendo avanti anche nel quarto. La Monini però non ci sta, e supera gli avversari sul 14-16, sul 20-22 un errore di Spoleto fa ben sperare la squadra di casa che però riesce a portare la partita al tiebreak.

Ph. LegaVolley
Ph. LegaVolley

Grazie a degli errori della squadra piemontese e un muro degli spoletini, la Monini si trova avanti 1-5. Mondovì non molla niente e recupera gli avversari, che commettono qualche imprecisione, sul 6-7. Però Spoleto a questo punto scappa e si prende il set,12-15, e una partita tutt’altro che semplice.
Spoleto è molto più precisa a muro: in totale quelli messi a segno sono 11, contro i 7 della squadra di casa. Anche la battuta riesce meglio agli umbri: 4 ace contro i 3 di Mondovì. Top scorer del match Matteo Paoletti con 26 punti.

GEOSAT GEOVERTICAL LAGONEGRO 0-3 GIOIELLA MICROMILK GIOIA DEL COLLE (18-25, 21-25, 22-25)

E’ una Gioia del Colle che porta a scuola una Lagonegro sottotono e che sicuramente non è riuscita ad esprimere il proprio gioco e la propria migliore pallavolo. Non c’è storia, viste le statistiche finali in tutti i fondamentali. La percentuale in attacco della Geosat è buona solo nel secondo set (55%, negli altri due crolla al 37% e 38%, con 3 errori diretti. La Gioiella fa tutta un’altra partita: 70% nel primo, 62% nel secondo e 53% nel terzo. Pur sbagliando di più (5 errori), la squadra di coach Mastrangelo riesce a compensare con punti negli altri fondamentali: 6 muri e 7 ace.

Ph. LegaVolley
Ph. LegaVolley

A Lagonegro dall’altra parte del campo sembra non riuscire quasi nulla: 2 muri e 0 ace totali. Top scorer del match Leano Cetrullo con 23 punti, il migliore nelle fila di Lagonegro è Flavio Amouah con 16 punti.

Ecco la nostra solita CLASSIFICA all’undicesima giornata di campionato: in testa la solita Tuscania con 29 punti. Seguono Spoleto con 25; Bergamo con 23; Gioia del Colle con 22; Brescia con 19; Cantù e Ortona con 17; Lagonegro con 12; Mondovì e Taviano con 10; Bolzano con 9; Club Italia con 5.

di Alice Biondi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto