SERIEA2M GIRONE BIANCO: CONAD REGGIO EMILIA FA SFUMARE IL RECORD DI ROMA, SANTA CROCE SI LIBERA DEL TIE BREAK

Dopo un’altra settimana eccoci di nuovo qui a parlare di Serie A2. E ne parlate di nuovo con me, Francesca, perché la nostra Azzurra è indaffaratissima con la sua missione di allenatrice di piccole pesti. Eh già, mi sto di nuovo riappropriando della mia vecchia rubrica. Parlando di cose concrete, settima giornata di campionato, girone entrato nel vivo. Conad Reggio Emilia strappa l’imbattibilità a Roma, vincono poi Santa Croce, Aversa, Grottazzolina e Potenza Picena. 

Conad Reggio Emilia – Scarabeo GCF Roma 3-2 (20-25, 25-16, 25-21, 17-25, 15-11)

Al PalaBigi, casa della Conad Reggio Emilia, va in scena la prima sconfitta della stagione per la prima della classe, Roma.  Nonostante la sconfitta al tie break per gli uomini di coach Spanakis, mantengono comunque il primato in classifica, a quota 14 punti.

Sesto match su sei in cui Roma va a punteggio, anche se la Conad Reggio Emilia le sbarra la strada dell’imbattibilità. Adesso condivide il primato con Aversa, che ha disputato una gara in più

Ph. Legavolley

Primo set ordinario per Roma, che mette subito la testa avanti e con Padura Diaz e Snippe chiarisce che ha voglia di vincere. Con una buona prestazione in battuta vince il primo parziale. Secondo e terzo set dalle tinte molto buie per i laziali. Onwelo e Ippolito martellano come non mai. I tentativi di Zoppellari di appoggiarsi a Padura Diaz spesso sfumano: ormai il muro della squadra di casa ha imparato come contrastare il cubano. I due parziali vanno agli emiliani, e Roma si trova in una situazione spigolosa. Muro più attento ed un cambio in regia favoriscono i laziali nel quarto parziale. Valenti su Zoppellari varia il gioco, e con un aiuto in battuta Roma si porta a casa il set. Al tie break Ippolito, Onwelo e Bellini fanno la differenza. Picchiano duro in attacco, e nonostante i tentativi avversari la Conad Reggio Emilia si aggiudica il match.

 

Kemas Lamipel Santa Croce – Materdominivolley.it Castellana Grotte  3-1 (22-25, 25-19, 25-10, 25-19)

Dopo il primo set in cui i pugliesi hanno mostrato un buon gioco, rimontando di un break, qualcosa si è spento. Santa Croce punta al riscatto, dopo tutti i tie break subiti. Castellana Grotte dal canto suo è fanalino di coda in classifica, tre punti le servirebbero. Purtroppo però i pugliesi commettono tantissimi errori, 45 in totale, che costano cari alla loro vittoria. Dal canto loro i toscani pressano la squadra ospite, arrivando addirittura a vincere un set per 25-10. Pereira e Colli forzano molto in attacco, per i pugliesi non c’è scampo.

Ph.Legavolley

Sigma Aversa – Emma Villas Siena 3-1 (21-25; 25-23; 25-18; 26-24)

Impresa dei normanni che, in casa loro, buttano giù la corazzata Siena e agguantano il primo posto in classifica. Parte bene la squadra del presidente Bisogno, che sotto di 4 punti, recupera e pareggia a quota 10. Una pipe di Fedrizzi vale il sorpasso, a quel punto non resta che conservare il vantaggio. Portato a casa il primo parziale però la Emma Villas cala l’attenzione. Aversa, con i suoi bomber Libraro e Santangelo, fa il bello ed il cattivo tempo e riesce a risalire da uno svantaggio di ben 4 punti nel secondo parziale. La disattenzione di Siena fa il resto. Anche il cambio di Vedovotto non sortisce l’effetto sperato, ed Aversa prende sempre più piede. Il pubblico agguerrito aiuta la formazione di casa, che ne esce vincitrice. “La partita più bella della storia del volley campano”, così la ricordano i tifosi del PalaJacazzi.

Ph.Legavolley

M&G Videx Grottazzolina – Acqua Fonteviva Massa 3-0 (25-22, 25-19, 27-25)

Grottazzolina schiacciasassi in casa, liquida la neopromossa Massa in tre set, non senza sudare sette camicie. Gli ospiti infatti resistono stoicamente, e fanno faticare i padroni di casa non poco. Primo set fatto di sorpassi continui fra le due squadre. Richards consente ai suoi di pareggiare a quota 15, ed è proprio lui a portare avanti Grottazzolina nei punti successivi. Set point firmato da un muro di Cecato su Bolla. Massa prende subito il vantaggio nel set successivo, ma Salgado prima e Richards poi firmano pareggio e sorpasso. Molto buona l’attenzione di Grottazzolina in fase di difesa, che alla lunga paga. Anche il terzo parziale è molto equilibrato, nessuna delle due formazioni riesce a prendere il sopravvento. Il solito Richards riesce a guadagnare un break di vantaggio, ed i marchigiani si portano alla vittoria.

GoldenPlast Potenza Picena – Messaggerie Bacco Catania 3-2 (21-25, 25-20, 25-22, 20-25, 15-6)

Dopo più di due ore di gioco all’Eurosuole Forum la spunta al tie break Potenza Picena, in rimonta sulla neopromossa Catania. Primo set difficile per i biancazzurri, che restano in parità ma sul finale del parziale subiscono l’attacco dei catanesi. Nonostante la difficoltà occorsa per i marchigiani con l’infortunio di Larizza, e la sua sostituzione con l’opposto Romanò, Potenza Picena stringe i denti e mostra la grinta. Si prende secondo e terzo set e mette la freccia avanti. Catania però non demorde, e nel quarto parziale, con un muro nettamente migliore, sorpassa nonostante l’uscita di Pizzichini. Il tie break però non perdona la squadra ospite: 15-6, risultato netto e lapidario.

Ph.Legavolley

Appuntamento a domani con l’ottava giornata di Serie A2 Unipolsai! Seguiteci per i nostri recap, mi raccomando!

di Francesca Lupoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto