RECAP SUPERLEGA: MATCH ANNULLATO A CIVITANOVA, MILANO BRILLA ANCORA, MODENA, TRENTO, CASTELLANA GROTTE, PERUGIA E PIACENZA VINCONO

Eccoci con il recap dei match che si sono giocati ieri, validi per la seconda giornata di Superlega. Se vi siete persi il riassunto della prima giornata, lo trovate qui.

CUCINE LUBE CIVITANOVA – BUNGE RAVENNA 0-0 (rimandata)

PH: Lube Volley
PH: Lube Volley

Il match fra i Campioni d’Italia e i romagnoli è stato prima rimandato e poi annullato per motivi gravi. Infatti, uno spettatore ha avuto un malore e, dopo aver tentato la rianimazione, è deceduto. Riportiamo le parole della società marchigiana:

“A causa di un malore accusato durante la fase di riscaldamento da uno spettatore presente all’Eurosuole Forum di Civitanova Marche, la partita Cucine Lube Civitanova – Bunge Ravenna, valida per la 2ª giornata di andata di Regular Season della SuperLega UnipolSai, per motivi morali e di ordine pubblico è stata rinviata a data da destinarsi.”

Daily Volley si unisce al cordoglio generale nei confronti della famiglia dello spettatore e fa le più sentite condoglianze.

 

BIOSì INDEXA SORA – AZIMUT MODENA 0-3 (22-25, 23-25, 22-25)

PH: Modena Volley
PH: Modena Volley

Sora perde ma possiamo notare la notevole crescita della squadra. A Frosinone, i padroni di casa perdono nettamente nei parziali, ma il comportamento in campo è stato ottimo.

La supremazia dei Gialli è sempre stata evidente in tutti i fondamentali ma, in un momento no degli ospiti, Sora ha saputo sfruttare il momento. I padroni di casa provano ad “allungare il brodo” ma il gran cuore e la crescita visibile non sono bastati per portarsi a casa un set o il match. Caneschi e compagni si sono dimostrati combattivi, supportati da un focoso pubblico accorso nonostante il palazzetto non sia lo stesso dell’anno scorso.

C’è tempo per crescere e dare filo da torcere a tutti: più è equilibrato il campionato e più ci divertiamo. Daje Sora!

BCC CASTELLANA GROTTE – TAIWAN EXCELLENCE LATINA 3-1 (25-22, 20-25, 25-17, 25-22)

PH: Top Volley Latina
PH: Top Volley Latina

Sarà per le grandi assenze in campo (Le Goff, Starovic e Ishikawa indisponibili), sarà per i troppi errori, ma Latina non riesce ad esprimersi e perde a Castellana Grotte.

I padroni di casa sono combattivi, ssspumeggianti ed esprimono un gioco frizzante, cosa che gli ospiti non riescono a fare. Quindi ancora una volta Latina non riesce ad intascarsi 3 punti pieni, rimanendo a bocca asciutta e tornando a casa con l’amaro in bocca.

Quando uno o più tasselli vengono a mancare, dovremmo essere in grado di sostituirli senza troppe perdite. In questo frangente, Latina non è riuscita ad arginare i troppi errori e a trovare il modo di vincere con i mezzi rimaneggiati.

CALZEDONIA VERONA – SIR SAFETY CONAD PERUGIA 0-3 (16-25, 21-25, 19-25)

PH: Sir Safety Conad Perugia
PH: Sir Safety Conad Perugia

Passeggiata di salute a Verona per la Sir, che vince nettamente la partita.

Nel primo set i padroni di casa restano in corsa giusto i primi punti, prima di affondare sotto i colpi perugini. I gialloblu faticano a contrastare il gioco al centro degli avversari e si trovano inesorabilmente sotto 9-16. De Cecco sfrutta i centrali per giocare qualche pipe e Perugia scappa a +10. Nel finale gli ospiti si limitano a gestire, vincendo per 16-25.

Secondo set molto più emozionante del precedente, sotto tutti i punti di vista. Si gioca punto a punto con continui ribaltamenti di fronte. Inizialmente sono gli ospiti a condurre (7-8), ma Verona ribalta la situazione portandosi in vantaggio a metà set sul 16-15. L’arbitro non sanziona un netto tocco a muro di Perugia neanche con il video check e il palazzetto si infiamma. Verona reagisce subito tra l’entusiasmo dei propri tifosi! Ma proprio quando il set sembra essere alla portata, Atanasijevic (MVP della gara) fa 3 ace di fila, cancellando le speranze gialloblu. Subito dopo De Cecco smarca l’opposto serbo con una magia, permettendo agli ospiti di allungare ulteriormente. Si conclude così, sul 21-25, un set molto avvincente e combattuto, più di quanto dice il risultato.

Inizia combattuto anche il terzo set. Non si gioca punto a punto, è un continuo tentativo di Perugia di scappare via, con Verona che non molla e rimane sempre lì. Pajenk si fa valere al centro, dimostrando di essere in buona condizione. Anche i centrali avversari però fanno un’ottima gara: passano con regolarità e permettono a De Cecco di smarcare facilmente i soliti Russel, Atanasijevic e Zaytzev. Il risultato è che il set rimane equilibrato fino a metà parziale (14-16). Poi Perugia mette a segno 5 punti di fila, portandosi sul 14-21. La partita è andata, ma Verona ha comunque una reazione d’orgoglio, che le permette di recuperare qualche punto. Il set si conclude comunque sul 19-25, con gli ospiti che vincono meritatamente. In questo set hanno fatto la differenza i turni al servizio di Zaytzev e Russel, efficaci nei momenti decisivi.

Partita che si è svolta in un clima estremamente sereno (episodio del video check del secondo set a parte). Numerosi gli ex in campo, da quelli di vecchia data come Colaci a quelli più recenti come Birarelli e Anzani, tutti acclamati da entrambe le curve all’annuncio dei nomi. Perugia si conferma una corazzata, mentre a Verona manca ancora qualcosa per raggiungere le prime 4… E anzi, probabilmente dovrà guardarsi le spalle, perchè ci sono altre squadre molto ben attrezzate.

KIOENE PADOVA – DIATEC TRENTINO 1-3 (21-25, 19-25, 25-17, 23-25)

PH: Pallavolo Padova
PH: Pallavolo Padova

Grande prova per Travica e compagni, che convincono ma non riescono a portare a casa il risultato.

I padroni di casa si sono dimostrati all’altezza di Trento, squadra da non sottovalutare mai. Dopo una partenza diesel e il dominio dei trentini nei primi due set, Randazzo e compagni hanno sfruttato al meglio le proprie capacità e hanno portato la partita al quarto set.

Trento ha giocato in maniera molto sciolta nei primi due set, con un Giannelli brillante e gli attaccanti sempre pronti. Padova s’impone nel terzo parziale, con Nelli #onfire da far paura e una squadra che sembra un’orchestra ben assemblata. Tutto, però, si risolve nel quarto set dove Trento si risveglia dall’assopimento e ne deriva un grande spettacolo. Le due compagini hanno fame di punti e combattono una per allungare ulteriormente il match, l’altra per chiudere la pratica. La spunta Trento, forse per la maggior esperienza in certi frangenti.

WIXO LPR PIACENZA – TONNO CALLIPO CALABRIA VIBO VALENTIA 3-2 (23-25, 25-20, 25-23, 24-26, 15-10)

PH: Wixo LPR Piacenza
PH: Wixo LPR Piacenza

Grande spettacolo in quel di Piacenza! Infatti, i padroni di casa vincono e convincono, segnando la prima vittoria fra le mura domestiche.

Una Piacenza che ha visto le bande fare la voce grossa in questo frangente, con Parodi (MVP del match) e Clévenot (24 punti) che picchiano forte e mettono in grosse difficoltà gli uomini di Tubertini. Due ore di azioni spettacolari che infiammano il pubblico accorso. Vibo si perde un po’ nei finali di set, come dimostra il tie-break chiuso da Patch con un attacco fuori.

Entrambe le squadre dimostrano grande carattere e la voglia di non mollare mai, ma alla fine l’esperienza e l’esuberanza piacentina ha avuto la meglio. Niente da togliere agli ospiti, che hanno dato filo da torcere ai padroni di casa per più di due ore intense.

REVIVRE MILANO – GI GROUP MONZA 3-1 (25-20, 25-23, 20-25, 25-21)

PH: Revivre Milano
PH: Revivre Milano

Continua la striscia positivissima della Milano di Giani. Prima gara casalinga anche per questa formazione che ottiene i primi 3 punti tondi della stagione.

Partita molto equilibrata fra le due squadre come possono suggerire i parziali dove non spuntano distacchi troppo netti. Come nella prima gara a domicilio di Trento, a dare la marcia in più a Sbertoli e compagni sono stati i punti dai nove metri. Infatti, la formazione di casa ha messo a terra ben 10 aces. Oltre a questo notevole fondamentale, spuntano i 28 punti dell’opposto rivelazione, Abel Aziz, nominato anche MVP del match. Più di un set da solo, mica robetta!

Monza, da parte sua, ha brillato con il capitano Botto, tornato in campo con 12 punti, e Hirsch entrato in corsa, che ha siglato 15 punti a referto.

Una gara molto tirata, sofferta ma bilanciata, uno spettacolo per gli occhi insomma.

 

CLASSIFICA

*con un match in meno.

Sir Safety Conad Perugia 6
Azimut Modena 6
Revivre Milano 5
Wixo LPR Piacenza 4
Diatec Trentino 4
Cucine Lube Civitanova * 3
Gi Group Monza 3
BCC Castellana Grotte 3
Calzedonia Verona 2
Bunge Ravenna * 1
Taiwan Excellence Latina 1
Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia 1
Biosì Indexa Sora 0
Kioene Padova 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto