Zaytsev “Mi manca giocare opposto”. Via da Perugia il prossimo anno?

IMG_6993.jpg

Ieri sera Perugia ha conquistato la medaglia d’argento alle finali di Champions League, dietro la corazzata Kazan. Nel post partita hanno fatto scalpore le dichiarazioni di Zaytsev, che lasciano dubbi sulla sua permanenza alla Sir.

“Riparti da Perugia il prossimo anno?”

“Non lo so, è troppo presto per parlare. Però il contratto ce l’ho, perché no?

“Ti manca il ruolo di opposto?”

“Si mi manca, è vero”

“Cambieresti squadra se ti offrissero il ruolo di opposto?”

“Non lo so. Non credo sia possibile, c’è il contratto, Sirci non penso che mi lascerebbe andare… Dovrebbe accadere una congiunzione astrale di quelle impossibili, quindi boh”.

Queste le dichiarazioni di Zaytsev in risposta alle domande sul suo futuro. Risposte date tra qualche risata, forse per cercare di “mascherare” l’importanza del tema trattato. Appare però evidente che siamo di fronte a delle parole MOLTO pesanti. Ivan senza mezzi termini ammette di preferire il ruolo di opposto (con cui si è tolto qualche soddisfazione, ultima in ordine cronologico l’argento olimpico a Rio 2016) rispetto a quello di schiacciatore. Certo, lui ha sempre detto di poter fare entrambe le cose… Ma evidentemente, se ti rendi conto di rendere di più in un ruolo rispetto ad un altro, soprattutto a questi livelli, un po’ di “nostalgia” verso le zone 1 e 2 del campo ti viene.


Appurato questo, passiamo alla parte contrattuale e al suo ruolo all’interno della Sir. Atanasijevic ha rinnovato fino al 2018, quindi lo Zar, a Perugia, dovrebbe fare lo schiacciatore per ALMENO un’altra stagione. Appare abbastanza evidente come questa prospettiva non sembri far molto piacere ad Ivan… Particolare rilevanza viene data al fatto che Sirci non sembra avere intenzione di disfarsi del suo numero 9. E come dargli torto in fondo? Un uomo marketing che riempie i palazzetti in casa e in trasferta e che fa fare una valanga di soldi alla società non è così semplice da trovare, e una volta trovato si cerca di trattenerlo. Questo, ovviamente, in aggiunta al suo enorme talento, indispensabile per una squadra ambiziosa come Perugia. Lo Zar sa queste cose, e con queste dichiarazioni forse vuole trasmettere un messaggio al suo presidente.

È vero che avere un talento del genere in squadra fa bene, è vero che il contratto lo lega alla società, ma siamo sicuri che sia così conveniente avere un giocatore scontento in casa? Questo sembra essere il messaggio che trapela dalle dichiarazioni post partita… E potrebbe essere una buona base di partenza per lavorare insieme alla “congiunzione astrale, una di quelle impossibili” a cui faceva riferimento Zaytsev, che porterebbe la sua strada a dividersi da quella di Perugia.

Ovviamente si tratta di supposizioni, potrebbero essere solo parole dettate dalla delusione per la sconfitta. Però lo stupore degli addetti ai lavori durante l’intervista la dice lunga. Non ci resta che attendere il mercato per vedere come si evolverà la situazione.

Di Francesco Carletto

Related posts

Leave a Comment