#ChampionsLeague : Perugia 3 – 2 Belgogorie, sfida tra Zaytsev.

sirchampions

Più in ritardo di un uovo di Pasqua sotto l’albero di Natale, eccomi qui!

Salve salvino a tutti i miei affezionati lettori!
Non ci sentiamo da un po’ di tempo ed il motivo è uno ed uno solo: ho iniziato a lavorare.

“E che ce frega” direte voi…beh, avete ragione, quindi niente, andiamo avanti e parliamo di quello di cui dobbiamo parlare.

SIR SICOMA COLUSSI PERUGIA 3 – 2 BELOGORIE BELGOROD

(11-25, 25-14, 31-29, 18-25, 15-13)

Iniziamo col dire che è stato uno scontro tra Zaytsev, infatti il papà della cresta più discussa d’Italia è nello staff tecnico del Belogorie, e gli stalker della famiglia Zaytsev (come me) avranno saputo dell’arrivo del babbo di Ivan da un video tenerissimo postato su instagram dove Sasha si allena nel bagher con il nonno.

Ma va beh, parliamo della partita.

Primo set… non ne parliamo. Lollo, ma dove li hai lasciati i giocatori???? Cancellati 11-25 gli umbri, il primo punto, di Atanasijevic bello de casa, arriva quando gli avversari sono ormai a 10 di vantaggio.
Che io me immagino papà Zaytsev che si arriccia i baffi già pronto a cantare vittoria.

Dopo questo pianto di set, SBOOOOO, vinciamo 25-14. Ma io boh, se po’ vive così?
I Block Devils evidentemente si stavano scaldando nel primo set, prendevano le misure dai. La coppia che scoppia (Atanaijevic-Zaytsev) porta al primo time out tecnico con Perugia 8-4. A muro si fanno sentire De Cecco e Podrascanini, oltre ai soliti muri tetto dello Zar, che sul finale di set serve addirittura a 111 km/h…EH BABBO???? NON TE LI ARRICCI PIU’ I BAFFI?!

Non lo so che sto a di, ma proseguiamo.

Terzo set finalmente equilibrato. Le due formazioni si prendono a pallonate: una battuta a 112km/h, ace, di Berger – grazie nastro -, Muserskiy che spara missili, muri di Podrascani di quà, attacchi del buon vecchio Atan dillà, ed ecco che siamo ad un finale di set da panico.E’ Berger a portare il set ai vantaggi aggiudicanosi il 24 pari; Perugia ha tenuto duro fino alla fine ed ha chiuso il set 31-29 grazie al mitico Atanasijevic che ne mette giù tre di fila, evidentemente aveva deciso che era ora di chiudere, e quando dice una cosa quella .

Nel quarto set  Belgorod cambia  regia con Bagrey. Chi è? boh, io però ve lo dico, che quando cambiano palleggiatore solitamente è una cosa importante, insomma se deve dì. Al primo timeout tecnico è avanti la Sir (8-7) ma ribalta tutto il muro di Smolyar  unito al contrattacco di Danilov, altri nomi sconosciuti per me, scusate l’ignoranza, dopo vi cerco su Wikipedia, giuro (9-11).I russi provano a scappare, Lollo Bernarni chiede timeout ma niente. Il tecnico umbro butta dentro gente manco fosse na rissa, Atanasijevic, Zaysev e De Cecco sono fuori. AOOO VE RIPIJATE??? No, nse ripijano: 18-25 pe’ l’altri.

Giungiamo dunque al fatidico quinto set, ce la faranno i nostri eroi?
Ma certo che ce la fanno, con un po’ di fatica ma ce la fanno! Atanasijevic, dopo un video check -perchè va sempre chiesto il video check- ci regala l’8 pari mentre Russell, entrato al posto dello Zar dopo pochi scambi, sigla il sorpasso a 9 e poco più tardi l’11-10 in diagonale. Un giallo, seguito da un rosso, al tecnico ospite Kosarev, motivo : ritardo di gioco, s’è fatta na certa e anche l’arbitro se vole da’. Perugia ha due set point a disposizione, ma tanto fanno tutto l’altri: Smolvar serve fuori e la Sir vince 15-13.

Vi lascio con l’intervista a Gino più bella di sempre :

Ah, comunque Gino porta le finali di Champions a ROMA!!!! Vi aspetto tutti in massa, prenderò le ferie per quella due giorni!

 

 

Related posts

Leave a Comment