Recap Superlega:Continua la striscia della Lube, bene anche le altre

COPERTINA SUPERLEGA

Articolo pubblicato da: Valentina Baroni, con la gentile partecipazione di Arianna Mecozzi.

Buongiornoooo,

rieccoci qui per commentare le partite di Superlega che si sono giocate ieri sera.

Intanto colgo l’occasione per augurarvi un buon anno, festeggiate mi raccomando!!

Come al solito sono state partite interessanti e quindi mi metto a raccontarvele brevemente.

LPR PIACENZA- EXPRIVIA MOLFETTA 3-1(23-25,25-14,25-17,25-18)

piacenza

(foto presa dal sito Lpr Piacenza)

Riprende la retta via Piacenza, che dopo le ultime deludenti uscite, ritorna a vincere davanti al suo pubblico e si riappropria del sesto posto in classifica.

Il primo set gioca bene Molfetta che riesce a mettere in difficoltà la LPR, sottotono,e si porta a casa il primo set.

Dal secondo set però Piacenza sale in cattedra, e sfoderando una grande prestazione vince convincendo gli altri tre set della partita portandosi così a casa i tre punti.

MVP: Yosifov

BEST SCORER: Giulio Sabbi con 22 punti.

TONNO CALLIPO VIBO VALENTIA-REVIVRE MILANO 3-0(25-23,25-19,25-22)

Non si ferma Vibo, che con un’ottima prova di squadra riesce a sconfiggere la Revivre e a portarsi a casa i tre punti.

Un’ottima partita quella degli uomini di Waldo Kantor. Vanno bene infatti i due martelli in attacco, va bene il libero in difesa e va bene anche la ricezione.

Non ha comunque sfigurato Milano, che in sostanza non ha mal giocato, ma era superiore la voglia di vincere della Tonno Callipo.

MVP:Barreto Silva

BEST SCORER: Hoag con 16 punti.

KIOENE PADOVA- AZIMUT MODENA VOLLEY 0-3 (23-25,23-25,19-25)

modena

(foto presa dal sito Modena Volley)

Riprende la marcia la Azimut Modena Volley, che dopo esser caduta tra le mura amiche, sfodera una buona prestazione e si porta a casa la partita e i tre punti che la tengono in scia della Sir Safety Perugia.

Buona, tutto sommato, è anche la prestazione della Kioene Padova, che in tutti e tre i set mette in difficoltà i canarini e sembra quasi riesca a portarsi a casa il set, ma alla fine è Modena che chiude tutti e tre i parziali a proprio favore.

MVP: Santi Orduna

BIOSì INDEXA SORA-CUCINE LUBE CVITANOVA 0-3(22-25,19-25,17-25)

lube

(Foto presa dal sito Lube Volley)

Tutto facile per i ragazzi di Blengini, che in quel di Sora continuano la loro marcia e vincono 3-0 rimanendo saldamente al comando della classifica,con tre punti di stacco dalla seconda (Trento).

Davvero una buona partita quella di Civitanova. Va benone l’attacco della Lube che ha alte percentuali.

Sora paga anche la giornata no di Rosso e soprattuto va in difficoltà di fronte all’ottimo servizio della squadra ospite. Sora resta sostanzialmente in partita solo nella parte centrale del primo set, quando la Lube sbaglia qualcosa di troppo.

MVP: Osmany Juantorena che è anche Best Scorer con 19 punti.

TOP VOLLEY LATINA-TRENTINO VOLLEY 0-3 (19-25,18-25,23-25)

trento

(Foto presa dal sito Trentino Volley)

Buona prova degli uomini di Lorenzetti che con tranquillità si portano a casa tutti e tre i set e i tre punti che la tengono ancorata al secondo posto a tre punti di distanza dalla capolista Lube.

Latina ci prova, ma  è troppo Trento per loro. Solo nel terzo set Latina riesce a mettere più in difficoltà Trento che però alla fine con un buon guizzo riesce a portarsi a casa il set e la partita.

GI GROUP MONZA-CALZEDONIA VERONA 0-3(20-25,19-25,21-25)

verona

(foto presa dal sito Calzedonia Verona)

Ottima prova della Calzedonia Verona, che riesce a ritrovare un po’ di costanza nei risultati.

In tutti e tre i set è la Calzedonia a tenere saldo il pallino del gioco, Monza ci prova ma non riesce ad arginare Verona.

Buona la prova corale della squadra di Grbic che arriva così a due vittorie di fila e prova a scacciare i fantasmi del passato.

MVP: Uros Kovacevic che è anche il Best scorer con 16 punti.

BUNGE RAVENNA- SIR SAFETY PERUGIA (23-25,26-28,17,25)

Un tour de force non indifferente quello che ha affrontato la Bunge Ravenna! Infatti dopo la straordinaria vittoria conquistata a Modena per 3 a 1, a soli quattro giorni di distanza in casa si è trovata davanti la corazzatissima Sir Safety Perugia. Insomma nessun miglior motivo per tornarmene in terra romagnola!!

Primo Set

Match che inizia bene per la Bunge, infatti il bel capitano in pipe da un primo vantaggio di due lunghezze ai suoi (4-2). Perugia pareggia subito i conti con un primo tempo di Birarelli e Berger con un ace segna invece un piccolo sorpasso, ma proprio lo stesso con un errore al servizio riporta le cose in parità. Su un attacco out dello Zar viene chiamato il video check da coach Bernardi ma la decisione dell’arbitro viene confermata e c’è di nuovo il vantaggio della squadra di casa (8-7). Vantaggio che dura poco, infatti sul turno al servizio dello Zar, che mette in difficoltà la ricezione avversaria, Perugia va sul più quattro, complice anche un ace dello stesso (11-15). Ravenna sprecona si lascia sfuggire gli umbri che vanno sul più cinque (15-20), ma stringe i denti e si concede importanti break, poi grazie ad un errore di De Cecco va a meno due (20-22). Un attacco out di Zaytsev, confermato dal video check, annulla il set point della Sir Safety, ma al terzo tentativo Berger chiude i conti per 23-25.

Secondo Set

Inizio di set che è tutto un susseguirsi di cambio palla, poi con un ace di Torres e un attacco out di Atanasjievic la Bunge va avanti di due lunghezze. Poi proprio lo stesso si fa perdonare trovando un break di due punti che portaPerugia in vantaggio (8-9). Ci pensa poi il centralone Bossi a smuovere le acque con due muroni su Berger e porta la Bunge sul +2 (14-12) con tanto di esplosione di un Pala De Andrè da sold out! Il vantaggio viene mantenuto dalla Bunge che se la gioca bene e dopo un bel primo tempo di Elia Bossi va addirittura sul più quattro (20-16). Coach Bernardi è costretto al time out e a cambiare le carte in tavola: scende in campo Aaron Aaron Russell…Russel (tanto per cantarlo alla maniera dei Sirmaniaci) a sostituire Berger e al rientro in campo i suoi trovano un break di due punti(20-18). Anche nella fase finale del set la Bunge rimane avanti, ma Perugia è sempre lì pronta a mordere e con un ace moooooolto dubbio di Zaytsev (e dovevate vedere il pubblico di casa!!! Temevo che da un momento all’altro si buttasse qualcuno in mezzo al campo)ai danni del libero avversario Goi le due squadre tornano in parità (23-23). Si prospetta un finale al cardio palma e così è stato: una chiamata al video check annulla il secondo ace di Zaytesev, poi Perugia annulla la prima set ball della Bunge e si va ai vantaggi (24-24). Van Garderen trova il 25-24, ma Perugia più concentrata annulla di nuovo la set ball e con due concretissimi muri, prima di Podrascanin su Bossi e poi di De Cecco su Lynell, si aggiudica anche il secondo set per 28-26. Eh oh, fatemelo dire….un vero peccato per la Bunge…

Terzo Set

Per la gioia dei miei occhi rimane in campo Aaron Russel al posto di Berger. Come nei set precedenti a partire meglio in campo è nuovamente la Bunge che si aggiudica il primo parziale per 8-7, ma si perde poi per strada e va sotto di quattro di punti 10-14.Perugia accelera e scappa sul +6 dopo un ace di Russel(12-18). Ravenna si adagia sugli allori, complici anche i troppi errori in fase offensiva (Oh Regaaaa e che diamine!!). Due ace di Zaytsev concretizzano la fuga degli umbri che trovano anche il match point lasciando gli avversari a 15 punti. Un ace di Van Garderen annulla la prima set ball, ma poi proprio un errore dello stesso regala la tredicesima vittoria consecutiva a Perugia (17-25).

Classifica:

 Cucine Lube Civitanova 44
 Diatec Trentino 41
 Sir Safety Conad Perugia 40
 Azimut Modena 38
 Calzedonia Verona 31
 LPR Piacenza 27
 Gi Group Monza 25
 Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia 24
 Bunge Ravenna 19
 Exprivia Molfetta 15
 Top Volley Latina 14
 Kioene Padova 14
 Revivre Milano 13
 Biosì Indexa Sora 12

Related posts

Leave a Comment