Recap Superlega: Lube di nuovo al comando, Modena si prende il big match

COPERTINA SUPERLEGA

Buongiornoooo, rieccoci come ogni Lunedì a commentare insieme il weekend di Superlega.

Anche in questo turno ci sono state molte partite ben giocate.

Anche oggi cambia la prima in classifica della Superlega. Sarà una lotta fantastica.

Vi racconto:

BUNGE RAVENNA-REVIVRE MILANO 3-0(25-20, 25-23,25-17)

Finalmente è Domenica e Ravenna gioca in casa…ma è possibile che ogni volta che devo raggiungere quel lontanissimo palazzetto il meteo si mette contro di me?! Visibilità pari a zero, ti senti la nebbia ravennate entrarti nelle ossa, che ti rattrappisce…MA, non sarà lei a fermarmi! In sella come sempre alla mia graziella rossa fiammante, attraverso le intemperie, pronta per la missione raggiungo il palazzetto!

Sfortunata collezione di quattro sconfitte consecutive per la Bunge. Oggi al Pale de Andrè incontra la Revivre Milano che proprio la scorsa settimana ha preso una bella batosta dalla neo promossa Sora. Entrambe le squadre alla ricerca del riscatto. Chi la spunterà?

Primo Set 25-20

Bunge ancora orfana del capitano Lynell, in panchina, schiera in campo al suo posto Grozdanov, mentre per la Revivre torna in campo il buon Sasa Starovic.

Ad aprire il tabellino sono subito i padroni di casa, un mani out trovato da Torres e un gran muro di Spirito si portano sul 2 – 0. Pareggiano subito i conti i milanesi che dopo un video check a loro favore e un ace del baby regista Sbertoli si portano avanti di tre lunghezze 6 – 9, e dunque parziale positivo per gli ospiti. ( Ah regà Sbertoli è un classe 98’…ci rendiamo conto?!)

La squadra di casa tuttavia torna a battere colpi e ritrova il pareggio. Marche che da quì prosegue con molto equilibrio punto a punto, ma veramente punto a punto eh, almeno finchè proprio la Bunge non trova il vantaggio dopo un attacco del centralone Ricci per il 19 – 17. Complice un errore in attacco dell’altro super giovane della squadra milanese, Galassi (che per voi ho intervistato), Ravenna allunga le distanze (23 – 19). Primo set point annullato e ci pensa Van Garderen al secondo a passare il muro avversario per la vittoria del set 25 – 20.

Secondo Set

Questa volta il primo parziale va a favore dei padroni di casa che passano in vantaggio parziale del set che invece è tutto a favore della squadra di casa 8 -6 , ribaltando completamente quello del set precedente. Con un ace di Ricci Ravenna si porta sul 13 – 10. Da quì break tutto in positivo per Milano, che sigla 4 punti grazie al neo entrato Nielsen. Soli chiama quindi la truppa per un breve briefing, e ritrovano subito il vantaggio 15 – 14. Anche il secondo parziale finisce nelle mani dei padroni di casa che si portano poi in vantaggio di tre lunghezze sui milanesi con un muro di Torres su Starovic, non proprio in formissima, per il 20 – 17. Finale di set sicuramente più interessante, la

Revivre batte un colpo e supera la soglia dei 20 punti, facendo per un attimo sudare la Bunge che tuttavia trova con Grozdanov la vittoria anche del secondo set per 25 – 23.

Terzo Set

Set che inizia malissimo per Milano, subisce infatti un pesantissimo parziale di 8 – 2. Coach Monti cerca di mescolare un pò le carte a sua disposizione e dunque fuori il baby Sbertoli e dentro Boninfante, entra Dennis per Starovic. I padroni di casa concedono poco e con i muri di Bossi e Grozdanov si portano sul 11 – 4 . Maaa?…avete già deciso di arrendervi?

Il vantaggio della Bunge si fa ancora più robusto e la Revivre viene addirittura doppiata 16 – 8. Monti decide di rimettere in campo Sbertoli e nonostante qualche risposta in più da parte dei meneghini, il set è totalmente a senso unico, e finisce (easy) in favore dei padroni di casa per 25 – 17 per la gioia del pubblico di casa che letteralmente s’infiamma per la vittoria ritrovata dopo la serie negativa di quattro sconfitte.

MVP della partita il direttore d’orchestra Spirito.

CUCINE LUBE CIVITANOVA MARCHE- CALZEDONIA VERONA 3-0 (25-15,25-15,25-22)

Bella prova della Lube, che dopo il passo falso della scorsa partita a Trento, torna sui giusti binari e vince in modo abbastanza semplice con la Calzedonia Verona ( che fine ha fatto la squadra di Giani?!) e si riconquista la vetta della classifica, complice la doppia sconfitta consecutiva di Trento.

Questa è stata una partita che non è stata mai in discussione.

Sin dal primo set la Lube, con Sokolov regolarmente in campo dopo l’infortunio della scorsa giornata (menomale, non avete idea di quante ne ho tirate quando si era fatto male… ma dio vede e provvede. Mmm ok, non sempre), riesce ad esprimere il suo gioco sia con un servizio efficiente, sia con una buona percentuale in ricezione e in attacco.

Verona prova a rialzarsi, con un po’ di orgoglio, solo nel terzo set, ma la compattezza della Lube (che muroniiiiiii… madonna santa quanto mi piacciono quando murano così) alla lunga vince e i ragazzi di Blengini si portano a casa l’intera posta in palio.

La domanda che sorge spontanea è: ma che diamine è successo alla Calzedonia?? Sono almeno quattro partite che li vedo prendere pallonate a destra e a manca senza un minimo di reazione. Spero che si riprendino al più presto.

MVP: Denis Kaliberda.

Best Scorer: Osmany Juantorena con 16 punti.

AZIMUT MODENA VOLLEY- TRENTINO VOLLEY 3-2 (25-15,18-25,25-20,23-25,15-8)

Big match di giornata quello al Pala Panini di Modena.

Bellissima partita con sprazzi di gran gioco da entrambe le parti.

Nel primo set parte subito bene Modena che prende un break di vantaggio ma Trento prova ad accorciare, ma a metà set c’è lo stacco decisivo di Modena che si porta a casa il primo set in maniera abbastanza agevole, complici i troppi errori di Trento.

Nel secondo set è invece Trento a partire meglio. Con un grande Lanza al servizio e con il risveglio di Nelli e Solè, Trento impone bene il proprio gioco e riesce a portarsi a casa il set e a pareggiare i conti.

Nel terzo set è una battaglia punto a punto, Modena prova a scappare ma viene subito agganciata da Trento.

Modena però alla fine, complice un grande N’gapeth, riesce a portarsi a casa il set e riprendere in mano la partita.

Trento però non si arrende. Nel quarto set lotta su ogni pallone e alla fine, che grinta i trentini caricano anche me, riescono a vincere il quarto set in volata e si portano al tie-break.

Tie-break che sorride però solo a Modena Volley che da subito impone il proprio gioco e indirizza la partita dalla propria parte.

Ora, cara mamma Rai io ti voglio bene,ma perchè cazzarola non avete fatto vedere questa splendida partita? ok via basta.

Mvp e Best scorer: Earvin N’gapeth con 18 punti (a pari con Luca Vettori).

KIOENE PADOVA- LPR PIACENZA 0-3 (23-25,18-25,23-25)

Altra vittoria per i ragazzi di Giuliani dopo quella conquistata tra le mura amiche contro Trento.

Padova, in netta difficoltà per gli infortuni, ci prova in tutti e tre i set.

Piacenza gioca una buona pallavolo e , dopo la difficoltà di inizio set in cui non riusciva ad avere una buona percentuale in attacco, con un grande Clevelot e un evergreen Marshall riesce a portarsi a casa i tre punti che la proiettano momentaneamente al quarto posto in attesa di Perugia che giocava in Champions questo weekend.

Best scorer: Giannotti con 17 punti.

Commento personale:  questa Piacenza mi piace molto. Il gioco è fluido e ben equilibrato. Sta lavorando bene lo zio Giuliani.

TONNO CALLIPO VIBO VALENTIA- BIOSì INDEXA SORA 2-3(23-25,22-25,25-22,25-19,11-15)

Bella partita a Vibo Valentia.

Primo successo in trasferta per Sora. Era una partita importante per entrambe le squadre e infatti in campo si è visto.

è stata una lotta continua su tutti i palloni. Nessuna delle due squadre voleva arrendersi e dopo un’estenuante partita giocata a ritmi alti e finita solo al tie-break, Sora si prende il match e due punti importanti.

Non ha sfigurato neanche la Tonno Callipo che ha espresso un buon gioco e lottato fino alla fine, ma Sora forse aveva più fame ed è riuscita ad imporsi al tie-break.

Buonissima prova anche di Rosso che ci delizia di ben 25 punti.

MVP e Best scorer : Miskevich con 28 punti.

Classifica:

 Cucine Lube Civitanova 28
 Diatec Trentino 27
 Azimut Modena 25
 LPR Piacenza 21
 Sir Safety Conad Perugia 19
 Calzedonia Verona 19
 Gi Group Monza 18
 Kioene Padova 13
 Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia 12
 Bunge Ravenna 11
 Exprivia Molfetta 11
 Biosì Indexa Sora 9
 Revivre Milano 8
 Top Volley Latina 7

Pubblicato da Valentina Baroni in collaborazione con Arianna Mecozzi.

Related posts

Leave a Comment