#RIO2016 LE PAGELLE

Di Francesca Lupoli & Alessandra Giubilei

La scorsa notte si sono ufficialmente chiusi i Giochi della XXXI Olimpiade con la cerimonia al Maracaña,   ieri abbiamo sfidato il Brasile per ottenere la nostra prima medaglia d’oro nella storia delle Olimpiadi, ma i verdeoro sono stati più bravi di noi, c’è da ammetterlo, e ci hanno battuti per 3 a 0.

– Bravissimi i brasiliani, che per me vincono anche il premio miglior divisa, però alla prossima non imbrogliassero così palesemente. Voglio dire, solo io penso che arbitri e addetti al check prima della gara si siano fatti di roba pesante?! Per non parlare dei premi individuali…mo va beh che va beh, ma volete venì a insegnà a noi come se ruba no eh! Siamo italiani, pizza, mafia e mandolino…!

-Va beh, lo sapete che se Alessandra non fa polemica almeno una volta al giorno non può andare avanti.

In tutti e tre i parziali siamo partiti in vantaggio tirando fuori il carattere che ci ha contraddistinti per tutto il corso del torneo, c’è stato poi un momento in cui ci siamo fatti sopraffare, in cui il talento di Giannelli, le difese di Colaci, il martellare di Zaytsev ed il cuore della squadra intera non sono stati sufficienti a trascinarci al comando. Il Brasile ha trovato in Wallace e Lucarelli i suoi terminali offensivi più efficaci, Sergio ha recuperato cose impossibili, e Bruninho… beh lui lo conosciamo bene;  questa somma di eventi ci ha portati all’argento, che è comunque un meraviglioso risultato.

Durante premiazione hanno poi nominato i componenti del dream team di queste Olimpiadi:

MVP: Sergio Santos

Opposite: Wallace Souza

Setter: Bruno Rezende

Middle-blocker: Emanuele Birarelli

2nd middle-blocker: Artem Volvich

Outside hitter: Ricardo Lucarelli

2nd outside hitter: Aaron Russell

Libero: Sergio Santos

Che io leggo:

Brasile

Brasile

Brasile

Uno italiano che poi ce se ritorce la mafia

Uno russo che poi Putin se lamenta

Brasile

Uno americano che sennò ri-scoppia la guerra fredda

Brasile

Ok forse qua Ale non ha proprio tutti i torti.

 MA COME CASPITA LI DATE STI PREMI?!? Sergio best libero è perfetto, ma veramente è stato lui l’MVP del torneo?! Un certo Wallace vi faceva schifo?? E poi l’assenza di Juantorena e Zaytsev è seriamente preoccupante, per non parlare di Volvich -amore fatti una plastica, dammi retta-come miglior centrale.. Un tale Maxwell Holt non lo conoscevate eh?

Per venire alle cose serie, siamo oggi tutti qui riuniti per celebrare la fine di queste Olimpiadi nel modo migliore che io e la mia amica scriteriata conosciamo, con delle pagelle sugli azzurri, e non solo.

 

CUORE, 10: se c’è una cosa che non è mancata a questi azzurri è stato il cuore. Il coraggio e la grinta ci hanno portati là dove nessuno avrebbe immaginato di poter arrivare: siamo capitati in una pool di ferro, ed uscirne a pezzi era molto facile. Qualcuno ci considerava destinati ad uscire dopo la fase eliminatoria, molti ci hanno tifato contro, anche qualche vittima di troppo che ha creduto di essere stata sbattuta fuori grazie a noi, quando bastava un po’ di impegno per uscire bene da questo torneo. Noi ne siamo usciti a testa alta, altissima, e possiamo guardarci allo specchio con un sorriso e con un argento olimpico al collo. E voi altri, certi di poter fare lo stesso?

Tanto per chiarire, che magari qualcuno non ha capito, invece qua ogni riferimento è puramente voluto:

NGAPETH, SVEGLIAAAA! CI SONO LE GOCCIOLE!

BLENGINI, 7: è stato un buon coach, ha ripreso la squadra dopo un momento difficile e l’ha accompagnata per mano fino all’ultima, e sofferta, sconfitta. Perchè un voto così basso? Non per demeriti, ma perchè condivide questo successo, che piaccia o no a qualcuno, con Mauro Berruto. È stato lui il primo a pianificare l’ingresso in squadra di Juantorena, lui a portare Giannelli in seniores a soli 19 anni, lui a far esordire gran parte degli eroi di questo torneo. Merita una menzione per aver contribuito a realizzare questo sogno! #chicco&berruBFF

 ZAYTSEV, 9: il bomber dagli occhi di ghiaccio ha spinto il piede sull’acceleratore ed ha incantato la nazione intera con le sue performances! Aliena la sua battuta lanciata a 127 km/h nel match contro l’Iran!! Ivano, sei un eroe, nettamente uno dei migliori delle nostre fila, sicuramente il più incazzoso e dagli occhi spiritati! #trascinatore

Basta co sto trascinatore! Io propongo #scaraventatoredilavatrici, dato che mo tutti ce l’hanno co ste lavatrici che tira.

ANTONOV, 7: qui c’è dell’affetto e la cosa si noterà, impossibile nasconderlo. Ha scippato il ruolo di uomo battuta a Vettori, entra a fare ace a comando quando glieli chiamiamo, oltrepassa la muraglia americana David Lee con la facilità con cui Cracco manda a cagare la gente a Masterchef. Poco utilizzato ma presente quando serve, Oleg sei decisamente il mio nuovo protetto! #sorpresa
MA QUALE SORPRESA! LUI E’ #ILNUOVOVETTORI, anche se meglio di Vettori, dato che ha messo dentro un sacco di ottime battute.

BUTI, 7.5: Blengini non l’ha scelto come titolare preferendogli Piano, ma quando Birarelli si è fatto male è entrato da freddo ed ha giocato un match PAZZESCO! La sfiga azzurra ha voluto che fosse poi Matteo ad infortunarsi, quindi Buti si è comunque ritrovato in campo, e tranne per qualche raro momento no (vedi battute aquiloni o muri leggermente out) ha dimostrato di valere molto. Una medaglia della rivalsa per lui, che aveva perso la convocazione a Londra 2012 per un niente.. Daje Simò, ce sei piaciuto una cifra!! #uomodellarivalsa  
Mi dispiace per i fan di Piano, ma secondo me Buti è moooolto meglio, e non lo dico solo perché è un uomo della Sir, che se non avete capito io tifo con tanto amore. Lo trovo più completo, più lineare, pulito nei movimenti e decisamente più costante nel rendimento. Ci vediamo a Perugia Simo!

LANZA, 7.5: Pippo qui dobbiamo fare due chiacchiere belle approfondite. Vieni da zia che deve dirti due paroline. In attacco non ti si può dire niente perchè penso che hai creato il panico negli avversari per tutto il torneo. Roba che dove passavano le tue mine si faceva un po’ il vuoto intorno, però porca paletta.. La ricezione, il servizio…. ieri il Brasile t’ha preso di mira manco velatamente in ricezione, ormai ce lo sanno che non è che sia proprio proprio perfetta -me ne ricordo un paio che lasciamo stare- e non va mica bene sta cosa! Quindi ti becchi un voto un po’ più basso! #ignoranzainabbondanza

BIRARELLI, 9: che dire dell’uomo che ha le redini dello spogliatoio. D’esperienza, cinico quando occorre e stoico fino alla morte, nemmeno dopo una distorsione come quella rimediata nel match contro gli USA ha appeso l’asciugamano al chiodo, ha stretto i denti ed è tornato a far paura gli avversari come solo lui sa fare! Bira non sappiamo se ti vedremo a Tokyo 2020 o quale sarà il tuo ruolo in quella squadra, ma intanto #graziecapitano
Quando mai lo ritroviamo uno come Birarelli? Ti prego, non invecchiare mai!! Mi dispiace solo che l’attenzione dei media è andata tutta a Ivano, quando lui come giocatore e  capitano avrebbe meritato di più.

SOTTILE, S.V: eddai, come faccio a dargli un voto? È entrato pochissimo, anche se ha piazzato bene le sue battute quando Blengini lo ha inserito. Però non ho capito perchè nelle foto della premiazione avesse la faccia più appesa di tutti.. A Daniè hai rimediato na medaglia d’argento facile facile, su co la vita!!

Io sarà cattiva, insensibile, quello che volete… però Daniè, Pasqua, come te chiami insomma… famo basta? Sulle figurine t’hanno dato  10 anni in meno, ma noi lo sappiamo che stai sempre più vicino ai 40. Lasciamo spazio ad altri bravi e meritevoli palleggiatori italiani?

GIANNELLI, 8.5: il talento al palleggio migliore che l’Italia abbia visto da parecchi anni a questa parte… Ha una buona distribuzione di gioco, anche se qualche volta si fa prendere dall’agitazione e dimentica di avere gente come Zaytsev da far attaccare.. I suoi turni al servizio sono micidiali per gli avversari, ed anche l’attacco sembra piacergli non poco.. Che abbia in mente di cambiare ruolo!?! #camaleontico
Io gli do’ 10 solo per aver rischiato la vita durante la semifinale con gli USA: sto matto ha tagliato la strada a Zaytsev, bloccando la sua rincorsa, e attaccando lui! Ha rischiato la vita e fatto punto, che volete deppiù???

PIANO, 7: finchè ha avuto opportunità di giocare Matteo si è comportato molto bene. Ha migliorato parecchio la fase di muro, specialmente nell’attenzione sulla marcatura dell’avversario. Giannelli gli ha servito più palle attaccabili rispetto al passato, mandandolo a referto anche con discreti punteggi. Certe volte, però, la sfiga ci si mette di mezzo.. E niente Matte, #ciseipiaciutofincheèdurata

COLACI, 8: ormai non serve più dire che il nostro libero è capace di difese impossibili, che abbatterebbero chiunque altro al mondo. Se poi ci aggiungete che nella semifinale con gli USA ha persino fatto punto, è l’apoteosi della soddisfazione! Leggermente fuori rotta ieri nei momenti importanti, il peso di una finale olimpica si sentiva anche sulle sue spalle.. Resterà comunque negli annali quello sculatissimo  studiatissimo punto.. Da far vedere a tutti i futuri liberi! #piccolettiallariscossa

Ricordiamo anche quando ha sbroccato tantissimo nel primo set contro gli USA in semifinale:

  (Video dalla pagina facebook PALLAVOLISTI BRUTTI)

VETTORI, S.V: Vetto io ti adoro, e qui mi sono testimoni – in pratica ti ama, te se farebbe senza problemi– ma stavolta proprio non te lo possiamo dare un voto. Il nostro opposto ha giocato pochissimi scambi, alcuni dei quali nel drammatico terzo set della semifinale -chiuso per 25-9 in favore degli americani- e quindi non ha ingranato bene, se non per niente, la marcia. Del resto chi ci riuscirebbe, quando ti vedi crollare il punteggio addosso… #allaprossima

Vettori, io non ti amo e non mi ti farei nemmeno sotto minaccia, però te sei fatto fregà il ruolo di uomo battuta da Oleg e ROSSINI. Datte na svejata, su bello de casa! Sei lungo sei mesi, qualcosa di buono puoi sicuramente fare!

ROSSINI, 8: come iniziare se non con: SUPER! Ho riso e pianto insieme quando Antinelli annunciava il cambio di Rossini al servizio per la prima volta. Pensavo fosse un errore, e invece entra, batte e quasi quasi fa ace! Ma chi l’ha detto che i liberi non possono andare al servizio?! Abbiamo anche noi la nostra arma segreta. Certo, però, che ho un sogno, e penso che tutti gli appassionati lo condividano con me: Totò, vogliamo vederti fare un giro in prima linea, ti prego!!! La soddisfazione di vederti attaccare sarebbe troppo grande #divino  #eroenazionale

 (Video dalla pagina facebook PALLAVOLISTI BRUTTI)

JUANTORENA,9: è il più “nuovo” di questa nazionale, l’ultimo arrivato, ma ha dimostrato tanto, forse più di altri. Una fame pazzesca in campo, una fiamma negli occhi che sta ad indicare solo quanta voglia di vincere abbia. Uno dei nostri acquisti meglio riusciti secondo me, si è dato da fare come nessuno in questo torneo, rivelandosi fondamentale e trascinatore là dove la squadra ha sofferto momenti di calo. #SULEMANI PEROSMANY, mai slogan  è stato più azzeccato di questo dopo questa meravigliosa Olimpiade! Le sue lacrime alla fine del match di ieri hanno lasciato un segno su tutti noi tifosi, ed anche su di lui. Osmany, siamo solo all’inizio!!

Juanto io tvb, sei simpaticissimo con tutti, lo posso dire per esperienza dopo aver fatto la sfruttata volontaria alla WL di Roma, sei forte, carismatico, tutto quello che te pare però… #IMPARAL’INNO !

 

Per concludere, vorremmo assegnare il premio “Miglior video amatoriale di #Rio2016”. Ci siamo fatte una panza de snap, video su instagram, su facebook. Ne abbiamo visti più in questi giorni che nell’arco di un anno penso, ed alla fine siamo incappate in questo, che sicuramente merita il primo premio!!

Che dire, non so se ridere per l’interpretazione da popstar di Shoji, se mettermi a piangere perchè Anderson sembra finalmente umano o sbavare sull’entrata finale di Troy.. E voi che fareste?!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto