TERZO WEEKEND DI #WGP16: LE PAGELLE!

13442354_1116107378462288_5740471960774485857_n

DI Charline Bottacchiari

 

 

 

 

 

Terzo e ultimo weekend di World Grand Prix, quello che si è chiuso ieri ad Ankara per le nostre Azzurre, che portano a casa un bottino di due vittorie [1-3 con la Turchia (25-21 21-25 19-25 17-25) e 3-0 con il Belgio(25-14, 25-12, 25-21)] ed una sconfitta per 1-3 nella prima gara contro il Brasile (26-24, 22-25, 13-25, 22-25). Purtroppo le 5 sconfitte subite durante le 9 gare del torneo non ci permettono di arrivare alle Final Six, in programma dal 6 al 10 luglio in quel di Bangkok.

Roma-Bangokok

Ebbene si, la Thailandia sarà alle Final Six nelle vesti di paese organizzatore e invece noi non potremo volare da Milano fino ad Hong Kong, passando per Londra e poi da Roma fino a Bangkok.

Torniamo per un attimo seri. Al di là della mancata qualificazione alle Finals, Bonitta ha avuto modo di testare più o meno tutte le atlete, provare nuovi moduli e soprattutto far macinare minuti di campo alle più giovani, ancora inesperte sul fronte internazionale. Tutto questo in vista delle OLIMPIADI, of course.

 

Tre gare, tre formazioni diverse, contando sempre in cabina di regina sulla giovane Ofelia Malinov che è andata a sostituire Alessia Orro, infortunatasi nello scorso weekend di gare e dunque rimasta in Italia per accertamenti. Chiamata in causa Carlotta Cambi per andare a completare il reparto palleggiatrici.

 

Ph: FIVB

 

Ed ora è tempo di PAGELLINI!

 

OFELIA MALINOV: Si è rimboccata le maniche ed ha giocato titolare tutte e tre le partite, prendendo più che discretamente le redini della squadra. Qualche imprecisione ogni tanto, come il primo tempo a Chirichella a metà rete, ma con il bel murone che ci ha regalato ai danni della gigante carioca Thaisa possiamo perdonarle tutto. #LaBambina.

 

PAOLA EGONU: C’è poco da dire, perché ormai abbiamo imparato a conoscerla bene questa ragazzina. Neanche 18 enne ci stupisce con i 26 punti personali contro il Brasile. Bonitta la lascia a riposo nel match contro la Turchia per ridarle fiato e riparte in quarta contro la Turchia con i 18 punti a segno. Affina la tecnica e piazza numerosi pallonetti, ma quando attacca non ce n’è per nessuno. Tremano perfino i muri dei Palas e lei si trasforma nell’ #IncredibileHulka.

 

ANTONELLA DEL CORE: La capitana, a riposo con la Turchia come la Egonu, conquista 11 punti sia nel primo incontro che nell’ultimo. Un po’ di difficoltà in fase di attacco, ma efficacissima dai 9 mt, dove mette a segno 3 ace contro il Brasile e addirittura 6 con le Belghe. #CapitanAce.

 

MONICA DE GENNARO: Qualche ricezione sofferta, ma in difesa Moki arriva ovunque. Più che un libero sembra un mocho Vileda per tutte le volte che la vediamo spiccicata al suolo, ma volare è il suo mestiere e ormai ci siamo abituati a vederla. Contro il Brasile riesce a tenere per ben 3 azioni consecutive l’attacco Brasiliano (e sappiamo bene che non è cosa da tutti). #AssoPigliaTutto.

 

ANNA DANESI: Trova posto in campo nonostante le “pesanti” presenze di Guiggi e Chirichella. A volte è un po’ impacciata sotto rete, commette qualche errore di troppo, ma data la giovane età glielo concediamo. Non brillantissima in attacco contro il Brasile e il Belgio (solo 2 attacchi vincenti per match), si scatena invece contro la Turchia dove ne mette addirittura 7. Chiude il week end di gara con 7 muri punto, ma siamo certe che ci saranno ampi margini di miglioramento. #NoiCiCrediamo.

 

CRISTINA CHIRICHELLA: I preziosi centimetri a sua disposizione si sentono tutti in campo, così come la sua energia positiva e la sua grinta. Rifila 5 muri alle brasiliane facendo loro capire chi comanda, mentre con le Turche arriva a doppia cifra in attacco. #MissAllegria.

 

MARTINA GUIGGI, VALENTINA DIOUF, MYRIAM SYLLA, NADIA CENTONI, SERENA ORTOLANI: Non più di un match da titolari per loro in questo week end (tranne per la Ortolani, titolare sia contro il Brasile che non la Turchia). Entrano a staffetta nelle altre gare per provare nuovi innesti, riscontrando anche esiti positivi. Nel complesso una buona prova per tutte.

 

 

Related posts

Leave a Comment