AZZURRINI BOMBA! QUALIFICAZIONE EUROPEA CONQUISTATA DA IMBATTUTI

PIC EVIDENZA

by Francesca Lupoli

Ph. federvolley.it

Napoli. La città del sole, del mare, della pizza e di Pulcinella. Il luogo in cui anche io sono cresciuta almeno un po’ avendo famiglia lì, uno dei tesori più belli della nostra Italia è stata dal 31 marzo al 2 aprile la “casa” di alcune nazionali juniores maschili impegnate  nel torneo di qualificazione ai campionati europei che si svolgeranno in Bulgaria dal 2 al 10 ottobre.

I nostri azzurrini della nazionale U20 hanno fatto da padroni di casa, in una pool non facilissima sulla carta: hanno affrontato (nell’ordine) Svezia, Portogallo e Spagna, facendo un’ottima figura. Dite la verità, avevate paura di essere colpiti da qualche nostro commento cattivo eh? Ecco perché siete stati così bravi u.u.

Beh, per vostra fortuna questo è un commento a due mani, le mie, la mia cara amica Alessandra non ci metterà piede, quindi sarà una cosa carina e coccolosa (cit.).

Match d’esordio giovedì, per Piccinelli e compagni, con gli scandinavi che pur giocando una buonissima pallavolo per i loro standard non hanno saputo contrastare i nostri ragazzi,che hanno vinto tre parziali di fila senza mai permettere agli avversari di arrivare a quota 20 punti fra l’altro in poco più di un’ora di gioco.. insomma ragazzi, un po’ di opposizione vogliamo farla o no?. Link (non fate della becera ironia sul suo cognome, poveraccio) , il best scorer svedese, riesce a mettere a terra appena sei palloni, mentre il tabellino azzurro è tutta una festa. In super evidenza Margutti, con 12 punti all’attivo, che conferma le sue buone prestazioni in campionato. Fuoco e fiamme al centro con la solita coppia (giustamente, direte voi, sarà solita per te che gli sei stata dietro tutto l’anno.. c’avete ragione) Galassi-Di Martino, ma la vera perla del match è la spaziale prestazione in battuta dell’Italia: 5 ace contro l’unico degli svedesi. Insomma, 3-0 liscio come l’olio, buonanotte ai sonatori, come ama dire la mia nonnina, e ci vediamo domani.

 

Indovinate un po’? SIAMO GIÁ A DOMANI! Bene, ciancio alle bande quindi, e sotto col commento alla partita col Portogallo. Vi starete chiedendo: dai sarà stata un po’ più combattuta no? Vero, siete nel giusto: punteggi più tirati, in particolare nell’ultimo set, ma non tanto per la presenza oppressiva degli avversari, quanto per un gioco non eccessivamente brillante dei nostri ragazzi, che hanno comunque portato a casa un ottimo risultato (un altro 3 a 0), importante nell’ottica del risultato finale. Unico cambiamento rispetto all’incontro precedente è la presenza nello starting six di Maiocchi (6 punti). Super prestazione di Galassi, top scorer con 14 palloni messi a terra, che fa la voce grossissima a muro assieme a tutti i suoi compagni: sono infatti 12 i muri vincenti messi giù dall’Italia. Spazio in campo anche per Lavia (il piccolino della squadra… piccolino poi, farà quasi due metri e mi mangia tipo in testa, ma era per dire che rispetto ai suoi compagni è il più giovane!) e Zoppellari.

Zitti zitti e quatti quatti i nostri azzurri sono arrivati imbattuti (manco un set perso, da notare) all’ultimo giorno di gare, il più importante, quello del match decisivo contro la Spagna, sulla carta la squadra più forte ed impegnativa della pool. Gli iberici hanno un’ottima tradizione di pallavolo giovanile, e coach Totire ed i suoi ragazzi sapevano sin da subito che sarebbe stata una sfida molto interessante. Viene schierata la stessa formazione che ha affossato battuto il Portogallo, ma c’è qualcosa di diverso: la grinta, è sicuramente quella che classifica questo match come il più bello del torneo.

Molto bravo Sbertoli a tenere caldi i suoi attaccanti, nonostante si sia affidato moltissimo al capitano Galassi, ancora una volta top scorer con 16 punti.

La Spagna in tutti e tre i parziali (uh, quasi mi dimenticavo, pure questa ce la siamo portata a casa con un 3-0!!) ha iniziato in vantaggio, ma non è mai riuscita a concludere nelle fasi importanti. Fa ancora malissimo il servizio dei nostri, che piazzano ben 7 ace in tutta la partita, e chiudono splendidamente il torneo ottenendo la qualificazione diretta alla rassegna continentale che si svolgerà in Bulgaria.

-Permesso,permesso….-

-e tu che vuoi?-

-voglio dire la mia.-

-ma stai zitt…-

-C’AVETE SOLO LA SANGRIA!-

-ma te ne vuoi andare?? Questo è il mio commento!!-

Scusate l’interruzione, la mia collega sente il bisogno di intervenire pure quando non ci azzecca ‘na mazza. Ordunque, abbiamo aperto la Spagna come una cozza battuto gli spagnoli con una tenacia ed un’energia splendide. Se questo è il presente, non oso immaginare come sarà il futuro di questo gruppo di giovani 😉

Ed ora SORPRESONA! Abbiamo assillato così tanto seguito con tanta enfasi in campionato il Club Italia che sono riuscita a trascinare con me in questo commento ai suoi colleghi anche Andrea Argenta!

È strano essere dall’altra parte per una volta, a dover commentare la prestazione dei miei compagni di squadra, ma molto volentieri (e sotto tortura da parte di Francesca !!) voglio condividere la gioia per la qualificazione all’europeo pre juniores dei ragazzi… Inizialmente pensavo che col fatto di disputare il torneo in casa ci fosse il rischio di giocare in pantofole, non solo sottovalutando l’avversario, ma nel vero senso della parola!!! Però sono stati bravi e non hanno mollato un pallone, soprattutto contro la Spagna nell’ultima partita dove gli iberici si ritenevano l’Armata invincibile di Serse!! Ciò detto ora la maggior parte di loro avrà la possibilità di dedicarsi con più tranquillità alla maturità (SE ci arriveranno🙊), ma farò in modo di mettergli più pressione possibile!!! Grazie a daily volley per lo spazio lasciatomi e… Alla prossima!!!

 

Related posts

Leave a Comment