“VE LO SPIEGHIAMO NOI COME VINCERE IN EUROPA!”

F4_2016_logo_final

By Charline Bottacchiari

 

 

 

 

 

Aspettavamo questo momento da 7 lunghi anni. L’ apparizione di due italiane alle Final Four di Champions League non si vedeva da Praga 2009 e a parteciparvi furono proprio, ora come allora, la Cucine Lube Civitanova (al tempo ancora Macerata) e la Diatec Trentino con la vittoria di quest’ultima in finale contro Salonicco.

Finalmente ben due squadre italiane ritornano a giocarsi la finale di Champions League, battendo le grandi squadre che da qualche anno avevano imposto la loro egemonia nel massimo campionato continentale.

E non è finita qui! La Calzedonia Verona, nella giornata di domenica, ha ribaltato il risultato in trasferta contro il Benfica Lisbona accedendo così alla Finale di Challenge Cup, prima finale europea per la squadra veneta!

 

Ph: BluVolley Verona

 

Iniziamo proprio dalla Calzedonia Verona di Giani che taglia, per la prima volta, uno storico traguardo, ovvero la possibilità di portarsi a casa una delle tre coppe europee in palio.

Nel match di ritorno ha prevalso tecnica, tattica e determinazione. Insomma una partita da incorniciare per i gialloblu che, in tutta la manifestazione, hanno saputo tener testa a tutte le squadre incontrate nel loro cammino. La finale di andata si giocherà il 30 marzo a Verona, mentre il ritorno contro il Fakel Novy Urengoy il 3 aprile in Russia.

 

Ph: CEV

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Passiamo alla Diatec Trentino che, dopo l’asfaltata del 3-0 al PalaTrento contro il Belgorod, fa suo anche il ritorno giocandosela al tie-break. Prestazione esemplare per la squadra di coach Stoychev che, come dice egli stesso, sono la sorpresa di questa competizione. Sarà derby tutto italiano nella semifinale del 16 aprile prossimo e quindi non ci resta che dire: CHE VINCA IL MIGLIORE 😉

 

La qualificazione della Cucine Lube Civitanova arrivata solo al Golden Set, dopo 6 intensissimi set giocati sul filo del rasoio contro l’Halkbank Ankara, merita solo tanti applausi. Andare a vincere in casa degli avversari, contro una squadra come quella di Bernardi in un palazzetto caldo è assai difficile, ed è ancora più complicato se gli avversari ti sono costantemente con il fiato sul collo giocando punto su punto l’intero match e finendo addirittura 3 set ai vantaggi. Ma i ragazzi di Blengini hanno saputo tenere alta la concentrazione senza lasciarsi sopraffare da pubblico, eventuali errori arbitrali, dal servizio di Le Roux e l’attacco di Kubiak, tenendo vivo ogni pallone possibile. Le due squadre ci hanno regalato momenti di intensa pallavolo, una partita al cardiopalma come non ne vedevo da un po’, meritando entrambe le Final Four….ma ci dispiace cari turchi, la finale di Champions League ce la giochiamo noi!

Inserisci un'immagine (800x500)
Ph: Lube Volley

 

Tanta soddisfazione per le squadre di casa che finalmente, dopo qualche anno, stanno ricolorando di VERDE-BIANCO-ROSSO i campi d’Europa, riportando il movimento pallavolistico nostrano ad uno dei più belli e forti al mondo!

Related posts

Leave a Comment